Iorio: la concorrenza sleale è un ostacolo per lo sviluppo del territorio
12 settembre 2018
Il Museo della città a Materdei
15 settembre 2018
Mostra tutto

Rinviata a giudizio l’ex ministro Cecile Kyenge

 

Lo ha deciso il tribunale di Piacenza dopo che l’europarlamentare

del Partito democratico alla Festa dell’Unità disse : “La Lega è razzista”

 

PIACENZA – L’europarlamentare ed ex ministro Cecile Kyenge (Pd) è stata rinviata a giudizio davanti al tribunale di Piacenza per diffamazione, dopo una querela presentata dal segretario della Lega, e attuale vicepremier, Matteo Salvini.

La Kyenge accusò, durante una festa dell’Unità a Parma, la Lega di essere razzista.

Durante l’intervista disse ‘la Lega è razzista’, reazione dovuta alla polemica legata a una foto pubblicata su Facebook da Fabio Rainieri, politico parmense e all’epoca segretario della Lega Nord dell’Emilia. Nell’immagine l’attuale parlamentare europea veniva paragonata a un orango.

Fabio Rainieri fu  condannato dal tribunale di Roma a un anno e tre mesi per aver pubblicato sul proprio profilo Facebook una foto dell’allora ministro per l’Integrazione con il volto ritoccato in modo da apparire una scimmia. I giudici lo  condannarono anche  ad un risarcimento di 150 mila euro. ‘Alla faccia della Libertà di Satira! Neanche a un ladro o a uno spacciatore danno una condanna così, pazzesco’, scrisse su Fb il segretario della Lega Nord, ottenendo 14mila ‘Mi piace’ e 1.500 condivisioni.

A stretto giro arrivò su twitter la replica dell’europarlamentare Pd: ‘Caro matteo salvini dire che i neri sono animali non è uno scherzone, alias satira, è reato ed è per questo che ne rispondete in tribunale’.

Matteo Salvini, in qualità di segretario della Lega, la querelò per diffamazione.

‘Ho deciso di rinunciare alla mia immunità parlamentare perché penso che i politici debbano assumersi le proprie responsabilità’, ha detto Kyenge poco prima di entrare in aula a Piacenza nel corso della prima udienza.

Antonella Di Pietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *