Capua, inizia l’avventura della coalizione di Fernando Brogna
15 Maggio 2022
America Latina, il thriller psicologico dei fratelli d’Innocenzo è su Sky
16 Maggio 2022
Mostra tutto

Francia, Macron nomina Elizabeth Borne prima ministra a seguito delle dimissioni di Castex

FRANCIA – Nella giornata di oggi, lunedì 16 maggio 2022, il presidente francese Emmanuel Macron ha nominato Élisabeth Borne nuova prima ministra del paese. Poche ore prima il primo ministro uscente Jean Castex aveva presentato le proprie dimissioni. Si tratta di un evento di portata storica poiché da ben un trentennio a capo del governo francese non era presente una donna.

Élisabeth Borne, già ministra del Lavoro nel governo di Castex, ha 61 anni ed è la seconda donna di sempre ad essere nominata prima ministra in Francia, dopo la socialista Édith Cresson che aveva governato tra il 1991 e il 1992. Borne ha un lungo passato di militanza nel Partito Socialista francese, ma da alcuni anni fa parte del partito di Macron, che è anche quello di Castex (La République en Marche, che da pochi giorni ha cambiato nome in Renaissance). Prima di essere nominata ministra del Lavoro da Castex, era stata ministra dei Trasporti e poi ministra della Transizione ecologica e solidale nei due governi di Édouard Philippe.

Le dimissioni di Castex, che era primo ministro dal luglio del 2020, erano ampiamente attese da tutti gli analisti politici: ci si aspettava infatti che in vista delle elezioni legislative che si terranno su doppio turno il 12 e il 19 giugno, ci potesse essere un rimpasto di governo e che Macron potesse scegliere come nuovo primo ministro una persona dalle idee e dalla storia politica più di sinistra rispetto a Castex.

Questo dovrebbe servire ad attirare maggiori consensi nell’elettorato di sinistra rispetto a quanto avvenuto nelle elezioni presidenziali, dove al primo turno il candidato di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon era risultato il più votato, con il 21,9 per cento dei voti dietro a Macron e a Marine Le Pen, leader del partito di estrema destra Rassemblement National.

Giorgia Cremona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *