Spara in una scuola tedesca: dieci morti
11 Marzo 2009
Castellammare, sotto torchio i rioni della camorra
11 Marzo 2009
Mostra tutto

Regole Camere, Franceschini attacca Berlusconi

Dario Franceschini boccia senza appello la proposta del premier Silvio Berlusconi, che a votare in Parlamento siano solo i capigruppo. «Davanti a queste proposte non si sa se ridere o piangere.

Dario Franceschini boccia senza appello la proposta del premier Silvio Berlusconi, che a votare in Parlamento siano solo i capigruppo. «Davanti a queste proposte non si sa se ridere o piangere. «Per Berlusconi – attacca il leader dei democratici ospite in studio a Unomattina – sembra tutto un ingombro sulla strada della sua luminosa azione di governo e questo vale per il Parlamento e a volte anche per il ruolo di garanzia del presidente della Repubblica». «Il prossimo passaggio – aggiunge Franceschini, ironizzando sul presidente del Consiglio – potrebbe essere, invece di 4 capigruppo che votano per 600 deputati, avere un tasto nel suo ufficio così che lo spinga lui e faccia lui per tutti…».

«LA QUESTIONE IN AULA» – A proposito delle nuove regole parlamentari ipotizzate dal premier, Anna Finocchiaro ha annunciato tr l’altro che porrà in aula al Senato la questione. «Voglio capire – spiega la presidente dei senatori del Pd, dopo la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama – qual è pensiero autentico della maggioranza, quale stravolgimento costituzionale si vuole attuare senza toccare la Costituzione».

FINI – «I regolamenti parlamentari sono solo un anello per il funzionamento del sistema. Non ha senso guardare al funzionamento di Parlamenti di paesi dove c’è una forma di Stato diversa dalla nostra». Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, chiacchiera con i giornalisti a Montecitorio durante una pausa dei lavori d’Aula e torna a parlare della tanto agognata riforma dei regolamenti parlamentari toccando solo indirettamente la polemica di martedì con il premier che aveva citato l’esempio della Francia dove votano solo i capigruppo. «In Giunta per il Regolamento porterò qualche piccolo aggiustamento non di merito, ma bisognerà tornarci sulla riforma: i regolamenti tuttavia sono solo un anello per far funzionare il sistema», ha spiegato Fini.

«FINTO OTTIMISMO» – Tornando a Franceschini, una stoccata al premier il segretario dei democratici la riserva anche affrontando il tema della crisi. ««Berlusconi – spiega – non è ottimista. Finge di esserlo e non penso che questo sia onesto né corretto».

CASO RAI – Franceschini torna anche sulla vicenda Rai: «Nessuna rosa. Le priorità degli italiani e del Pd sono ben altre, ne sono consapevole. Purtroppo c’è una legge sbagliata, che noi abbiamo avversato, che oggi impone che il presidente della Rai sia scelto con un’intesa tra maggioranza e opposizione, perché servono i due terzi della commissione Vigilanza». Ecco il leader Pd spiega di essere «costretto a una trattativa piuttosto sgradevole, ma che mi impone la legge». «Spero che faremo in fretta e bene – osserva il leader Pd – ma tutto sarà, per quello che mi riguarda, pubblico e trasparente. Niente di nascosto».

SINDACATO UNITARIO – Nell’intervento del leader del Pd un accenno al tema dell’unità sindacale. «Arriverà inesorabilmente. Il tempo e la velocità con cui arriverà dipenderanno dalla volontà dei dirigenti del sindacato e dalla spinta della base. Io penso che oggi l’Italia – afferma Franceschini -, come tutte le democrazie moderne, abbia bisogno di un sindacato unito, forte, che difenda i diritti dei lavoratori e di chi ha perso il posto di lavoro, dei pensionati, piuttosto che avere divisioni interne».

Comments are closed.