Caso Seppi, dall’ammutinamento alle scuse
10 Marzo 2009
Berlusconi: “Cambiare i regolamenti parlamentari, sono inadeguati”
10 Marzo 2009
Mostra tutto

Rai, nessun accordo tra Pd e maggioranza

In questi giorni si è tornato a discutere della presidenza della Rai. Il nome che aveva messo d’accordo maggioranza e opposizione è quello del direttore del Sole24Ore Ferruccio de Bortoli.

In questi giorni si è tornato a discutere della presidenza della Rai. Il nome che aveva messo d’accordo maggioranza e opposizione è quello del direttore del Sole24Ore Ferruccio de Bortoli.

Ferruccio de Bortoli. Lo stesso de Bortoli, che vanta una carriera da giornalista davvero invidiabile, ha però rifiutato l’incarico, lasciando l’amaro in bocca ai due poli, che avevano finalmente trovato un nome che accontentasse tutti. Nato a Milano 56 anni fa Ferruccio de Bortoli si è laureato in giurisprudenza ed è diventato giornalista professionista nel 1975. Nel corso degli anni settanta ha iniziato la sua carriera giornalistica prima scrivendo sul Corriere dei Ragazzi e pochi anni dopo sul Corriere dell’Informazione; nel 1979 al Corriere della Sera, dove ha iniziato ad occuparsi soprattutto di economia sindacale e attualità politica. Anni dopo de Bortoli è stato caporedattore del Sole24Ore e dell’Europeo. Dopo essere riapprodato al Corriere della Sera alla fine degli anni ottanta, con la qualifica di caporedattore del settore economia e commentatore economico, è stato incaricato vice direttore nel 1993. Dopo tre anni circa raggiunge la direzione dello stesso giornale che ha lasciato nel 2003. In seguito ha assunto l’incarico di amministratore delegato di Rcs libri e infine, dopo una breve parentesi da editorialista per La Stampa. la direzione del Sole 24 Ore.

Berlusconi. “Per de Bortoli avevamo dato il nostro benestare invece lui ci ha ripensato” ha affermato Berlusconi aggiungendo anche che la maggioranza non aveva nomi pronti per l’incarico.

La replica del Pd. Dall’opposizione il segretario del Pd Franceschini ha risposto: “Pensavo che la legge imponesse la ricerca faticosa di un nome condiviso tra maggioranza e opposizione, richiedendo i due terzi della commissione di Vigilanza per eleggere il presidente della Rai. Se invece Berlusconi intende dire che accetterà qualsiasi nome dall’opposizione, ho molte idee in proposito”.

Claudio Petruccioli. Intanto, a smentire le speranze di Franceschini, nella serata di ieri c’è stato il secco no del governo alla proposta di un Petruccioli bis. Il Pd ha evidenziato la notizia in una nota ufficiale diffusa nella serata di ieri.

Il Pd al lavoro. Intanto i vertici del Pd si stanno adoperando per concludere la questione in tempo utile. I vari no espressi prima da de Bortoli e poi da Berlusconi hanno ritardato le operazioni che avrebbero dovuto concludersi prima dell’assemblea degli azionisti Rai, in programma per oggi, nella quale si deciderà l’ottavo componente del Cda e il candidato presidente da proporre alla commissione parlamentare di Vigilanza in programma per le 20.30 di mercoledì.

 

Gianmarco Delli Veneri 

Comments are closed.