Romanzo Criminale, arriva la seconda serie
10 Gennaio 2009
“Neapolitan Beauty”: Percorsi tra forme e colori
10 Gennaio 2009
Mostra tutto

L’anno inizia lavorando per Gaza

Settimana intensa per il Governo. Si inizia con il colloquio del premier con il presidente di turno Unione europe per Gaza: Palazzo Chigi ha reso noto che nell'ambito dei contatti sulla crisi in Medio Oriente, il Presidente Berlusconi ha avuto un colloquio telefonico con il Presidente di turno della UE e Primo Ministro della Repubblica Ceca, Mirek Topolanek per valutare la situazione anche alla luce della missione dell'Unione nell'area. Sono stati stabiliti ulteriori contatti per ''mantenere uno stretto coordinamento tra la presidenza italiana del G8 e quella ceca dell'Unione Europea''.

Settimana intensa per il Governo. Si inizia con il colloquio del premier con il presidente di turno Unione europe per Gaza: Palazzo Chigi ha reso noto che nell’ambito dei contatti sulla crisi in Medio Oriente, il Presidente Berlusconi ha avuto un colloquio telefonico con il Presidente di turno della UE e Primo Ministro della Repubblica Ceca, Mirek Topolanek per valutare la situazione anche alla luce della missione dell’Unione nell’area. Sono stati stabiliti ulteriori contatti per ”mantenere uno stretto coordinamento tra la presidenza italiana del G8 e quella ceca dell’Unione Europea”.

ONTATTI FRATTINI PER CRISI DI GAZA: il Ministro Franco Frattini ”segue costantemente gli eventi di Gaza, anche in relazione agli esiti sinora purtroppo non del tutto soddisfacenti della missione europea, specie in relazione alla richiesta di un cessate il fuoco immediato da entrambe le parti”. Lo ha precisato una nota della Farnesina aggiungendo che ”l’Italia appoggia con convinzione l’iniziativa della troika europea e tutti gli sforzi diplomatici in corso, ivi compresa l’iniziativa del Presidente francese Sarkozy”. , che si trova in queste ore nella regione”. ”Frattini rimane fortemente preoccupato – ha aggiunto la nota – per le conseguenze che la crisi in atto sta avendo sulla popolazione civile, e ha espresso il suo apprezzamento per le assicurazioni fornite da Israele sulla continuita’ del flusso degli aiuti al fine di alleviare la difficile situazione umanitaria nella Striscia”. Il Ministro ha anche rivolto un appello alle Regioni e agli operatori della cooperazione per garantire, in raccordo con la Farnesina, un consistente pacchetto di aiuti per Gaza.

ENI SU CRISI MOSCA-KIEV PER FORNITURE GAS: ”l’Italia e’ ”in posizione migliore rispetto a molti altri paesi europei” per affrontare le conseguenze della crisi in corso tra l’Ucraina e la Russia, per questo puo’ guardare ”con serenita”’ alle sue ripercussioni. Lo ha precisato l’AD dell’Eni, Paolo Scaroni, al termine di un vertice del Gruppo sulla crisi tra Mosca e Kiev. L’Eni, dopo la crisi dell’inverno 2005/06 ”ha messo in atto una politica di diversificazione degli approvvigionamenti ed ha un livello molto elevato degli stoccaggi che ci permette di avere una sicurezza energetica anche superiore a quella di molti paesi UE”.

DECRETO SCAJOLA PER FORNITURE DI GAS: il Ministro Claudio Scajola ha firmato un decreto per massimizzare le forniture di gas dai fornitori alternativi alla Russia dopo i recenti sviluppi della crisi con l’Ucraina e il blocco di alcuni gasdotti. Il Ministro ha anche disposto la convocazione del comitato per l’ emergenza e il monitoraggio del sistema del gas. ”Nonostante le difficolta’ dell’importazione di gas dalla Russia, l’Italia – ha precisato Scajola – non presenta particolari preoccupazioni”. Il Ministero ha anche rilevato che ”tra qualche settimana entrera’ in funzione il rigassificatore di Rovigo, che immettera’ nella rete italiana gas proveniente principalmente dal Qatar, e che assicurera’ a regime la copertura del 10% dei consumi nazionali”.  

Federica Daniele

Comments are closed.