Il secolo d’oro della canzone napoletana
7 Ottobre 2009
Mazzarri: “Al mio Napoli chiederò gioco, ritmo ed anima”
7 Ottobre 2009
Mostra tutto

Bonaiuti: «Sentenza politica»

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti, commentando la sentenza della Consulta, ha parlato subito chiaro: «È una sentenza politica ma il presidente Berlusconi, il Governo e la maggioranza continueranno a governare come, in tutte le occasioni dall'aprile del 2008, hanno richiesto gli italiani con il loro voto».

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti, commentando la sentenza della Consulta, ha parlato subito chiaro: «È una sentenza politica ma il presidente Berlusconi, il Governo e la maggioranza continueranno a governare come, in tutte le occasioni dall’aprile del 2008, hanno richiesto gli italiani con il loro voto».

BERSANI: «ORA SI FACCIA GIUDICARE» – Uno dei primi leader politici a commentare la sentenza della Corte Costituzionale sul Lodo Alfano è stato Pierluigi Bersani: «Mi pare – ha detto l’esponente del Pd – che la decisione metta un punto fermo e dica che senza una legge costituzionale Berlusconi e le alte cariche sono cittadini come tutti gli altri e sono tenuti a sottoporsi a giudizio. Berlusconi continui a fare il suo mestiere sapendo che deve andare a sentenza».

BUTTIGLIONE: «NE’ DIMISSIONI NE’ VOTO» – il presidente dell’Udc Rocco Buttiglione che ha invitato tutti a «rispettare il pronunciamento della Corte Costituzionale. Questo non vuol dire dimissioni nè elezioni. Ognuno è libero di condividere o meno i pronunciamenti della Corte Costituzionale sul Lodo Alfano, ma tutti – sottolinea – sono tenuti a rispettarli. Questo non vuol dire che Berlusconi debba dimettersi: chi ha la maggioranza ha il diritto-dovere di governare. Per lo stesso motivo nessuno pensi di convocare elezioni anticipate contro la Corte Costituzionale. Non lo diciamo certo perché l’Udc abbia paura delle urne, da cui uscirebbe sempre più rafforzato, ma – conclude – lo diciamo per responsabilità istituzionale e per il bene del Paese».

FORMIGONI: «SOLIDARIETA’ E AFFETTO» – «Esprimo la massima solidarietà, la massima vicinanza e il mio grandissimo affetto al presidente Silvio Berlusconi dopo la sentenza della Corte Costituzionale sul lodo Alfano» ha detto invece il presidente della regione Lombardia Roberto Formigoni. Ha commentato la sentenza della Corte Costituzionale che ha decretato l’incostituzionalità del Lodo Alfano.

Comments are closed.