Lampedusa, nuovo maxi sbarco
27 Dicembre 2008
Rogo in una baracca: morti madre e figlio
27 Dicembre 2008
Mostra tutto

Berlusconi rilancia sulle riforme: “Si parte da giustizia e intercettazioni”

«Per quanto mi riguarda sarà un anno terribile quello che ho davanti per il governo del Paese: dovremo fare le riforme a cominciare da quelle delle intercettazioni e della giustizia che ci occuperanno molto». Queste le priorità espresse dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi durante un collegamento telefonico da Milano con la comunità «Incontro» di Amelia, di Don Gelmini. Il premier ha però sottolineato di essere «sereno» e «ottimista» sull'iter delle riforme in quanto il Pdl dispone di «due gruppi, alla Camera e al Senato, che ci garantiscono la vittoria».

«Per quanto mi riguarda sarà un anno terribile quello che ho davanti per il governo del Paese: dovremo fare le riforme a cominciare da quelle delle intercettazioni e della giustizia che ci occuperanno molto». Queste le priorità espresse dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi durante un collegamento telefonico da Milano con la comunità «Incontro» di Amelia, di Don Gelmini. Il premier ha però sottolineato di essere «sereno» e «ottimista» sull’iter delle riforme in quanto il Pdl dispone di «due gruppi, alla Camera e al Senato, che ci garantiscono la vittoria».

IL VOTO E IL G8 – Berlusconi ha quindi citato le elezioni tra gli impegni del prossimo anno. «Ci sarà da fare – ha detto – la campagna elettorale per le amministrative, molto importanti, di giugno, insieme alle importantissime elezioni europee». Particolare importanza poi rivestirà il voto per la Regione Sardegna che dopo le dimissioni del governatore Soru, è stato fissato per domenica 15 e lunedì 16 febbraio 2009. «Stasera (venerdì, ndr) cercherò Maurizio Gasparri, perché dobbiamo trovare l’accordo sul candidato da proporre ai sardi» ha annunciato il Cavaliere. «Oltre a tutto questo – ha affermato ancora Berlusconi – mi trovo poi, per la terza volta, ed è un record assoluto perché Kohl e Mitterand furono presidenti per due volte, ad essere presidente del G8 e del G14. Pensa che viaggi dovrò fare», ha aggiunto il premier rivolto a don Gelmini, citando «Cina, India, Giappone, Sud Africa, Egitto, Messico, Brasile, Canada, Stati Uniti» e i «paesi europei».

«MI SENTO UN RAGAZZO DI 18 ANNI» – E rispondendo a don Pierino che gli chiedeva come stesse, il premier ha fatto sfoggio del suo consueto ottimismo: «Sto benissimo, come un ragazzo di 18 anni».

CALDEROLI: BENE IL PREMIER – Le priorità stabilite per le riforme dal presidente del Consiglio non hanno apparentemente disturbato gli alleati della Lega, che, come noto, hanno invece sempre detto che la prima riforma da portare a termine è quella sul federalismo. «Le parole di Berlusconi sulla giustizia vanno benissimo: andrà a segno come sta andando a segno il federalismo con cui siamo già partiti…» ha infatti dichiarato il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli.

Comments are closed.