Berlusconi attacca la Corte e Napolitano
8 Ottobre 2009
Fini: «Berlusconi rispetti le istituzioni»
8 Ottobre 2009
Mostra tutto

Berlusconi insulta la Bindi, lei risponde

Le parole di Silvio Berlusconisul presidente della Repubblica che avrebbe dovuto, «con la sua influenza», garantire un voto dei giudici costituzionali favorevole al lodo Alfano sono state l'origine di un battibecco in diretta tra il premier e la parlamentare del Pd, Rosy Bindi, presente nello studio di Porta a Porta durante la telefonata del capo del governo. La Bindi aveva giudicato gravissima la posizione espressa dal leader del Pdl.

Le parole di Silvio Berlusconisul presidente della Repubblica che avrebbe dovuto, «con la sua influenza», garantire un voto dei giudici costituzionali favorevole al lodo Alfano sono state l’origine di un battibecco in diretta tra il premier e la parlamentare del Pd, Rosy Bindi, presente nello studio di Porta a Porta durante la telefonata del capo del governo. La Bindi aveva giudicato gravissima la posizione espressa dal leader del Pdl.

BOTTA E RISPOSTA – «Ravviso che lei è sempre più bella che intelligente – ha replicato secco Berlusconi, citando, non si sa quanto volontariamente, Vittorio Sgarbi che ebbe già modo di definire così l’ex ministro prodiano e che oggi, parlando con Corriere.it, assicura di non voler chiedere i diritti d’autore al premier -. Non mi interessa nulla di quello che lei eccepisce». Una «cortesia» che la stessa Rosy Bindi non ha lasciato cadere nel vuoto: «Sono una donna che non è a sua disposizione» ha replicato (riferimento neanche troppo velato alla vicenda delle escort che vede coinvolto il Cavaliere) «e ritengo molto gravi le sue affermazioni».

IL PRECEDENTE – Lo stesso Berlusconi, in ogni caso, aveva già avuto modo in passato di usare parole praticamente simili nei confronti della Bindi. Era l’8 aprile 2003 e il Cavaliere era andato a Brescia per sostenere la candidatura a sindaco di Viviana Beccalossi. Parlando della giovane esponente di An, il premier aveva spiegato che nei suoi occhi «si legge tutta la passione politica necessaria in questa sfida. È più brava che bella, il contrario di Rosy Bindi». Ma quell’intervento divenne più famoso per un’altra (involontaria?) gaffe dell’allora leader della Cdl: chiudendo il suo intervento incoraggiò infatti la portacolori del centrodestra con un equivocabile: «Forza Viviana, fagliela vedere!».

«PIÙ ALTO CHE EDUCATO»Giovanna Melandri, responsabile Cultura del Pd, in una nota ha preso le difese di Rosy Bindi: «Berlusconi ha fatto gravissime affermazioni nei confronti delle istituzioni, attaccando il presidente della Repubblica e la magistratura. Altrettanto indegna è stata la frase con cui ha apostrofato Rosy Bindi: in queste offensive parole c’è tutto il ‘Berlusconi-pensiero’ nei confronti delle donne: l’idea che la donna non abbia il diritto di prendere la parola se non per compiacere l’ego smisurato del sultano di Arcore. Il presidente del Consiglio ha dimostrato di essere più alto che educato». «Credo che le parole che Berlusconi ha pronunciato ieri nei confronti di Rosy Bindi si commentino da sole nella loro profonda volgarità – ha aggiunto Anna Finocchiaro, presidente del Pd al Senato – e credo anche che una dirigente politica come Rosy non abbia certo bisogno di essere difesa. Rosy non è certamente a disposizione del Presidente del Consiglio, ma per fortuna è a disposizione e al servizio delle donne, del Pd e della democrazia del nostro Paese».

«C’E’ CONCITAZIONE, PUO’ SUCCEDERE» – Un tentativo di smorzare i toni arriva da Paolo Bonaiuti, sottosegretario della presidenza del Consiglio e portavoce di Berlusconi, in un intervento a Radio 2: «Questi sono momenti di estrema concitazione, questo può succedere. Una cosa sono i momenti asprezza politica, altra i momenti di vita normale». In precedenza, però, Bonaiuti aveva detto: «È sempre la solita storia del cane cattivo, prima lo attaccano, lui si difende. Evidentemente una difesa da una serie di attacchi mediatici che vanno avanti da mesi e mesi».

Comments are closed.