Israele: “Tregua di tre ore ogni giorno”
7 Gennaio 2009
Razzi dal Libano su Israele, almeno 5 feriti
8 Gennaio 2009
Mostra tutto

La nuova giunta partenopea è completa, tra disguidi e polemiche

Domenica 4 gennaio 2009 il sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino, annuncia la creazione di una nuova giunta comunale in accordo con i vertici locali del Partito Democratico, dopo le recenti inchieste che avevano portato a procedimenti giudiziari a carico di numerosi assessori. L’incontro con il segretario cittadino del Pd, Luigi Nicolais, e con quello regionale, Tino Iannuzzi, ha spiegato la Iervolino, è stato «cordialissimo e costruttivo».

Domenica 4 gennaio 2009 il sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino, annuncia la creazione di una nuova giunta comunale in accordo con i vertici locali del Partito Democratico, dopo le recenti inchieste che avevano portato a procedimenti giudiziari a carico di numerosi assessori. L’incontro con il segretario cittadino del Pd, Luigi Nicolais, e con quello regionale, Tino Iannuzzi, ha spiegato la Iervolino, è stato «cordialissimo e costruttivo».

Il giallo. Il 5 gennaio il sindaco partenopeo ufficializza le sue intenzioni e presenta la nuova giunta formata dai 10 assessori confermati e da 6 nuovi volti. Nel corso della conferenza stampa rivela inoltre di aver registrato l’incontro con Nicolais, che dall’altra parte afferma di essere all’oscuro di tutto e annuncia le sue dimissioni. La cassetta con la registrazione e colui che l’ha sbobinata e trascritta spariscono, facendo diventare la situazione sempre più a rischio di sospetti. Intanto Nicolais persegue la sua polemica e ha per tutta risposta dalla “sindaca” un’affermazione che ha davvero uno strano sapore: “Non è stata affatto sconfessata la linea del Pd. Volete sentire la registrazione?”. Rimane comunque il beneficio del dubbio sul perché delle dimissioni del segretario Nicolais e sulle sue affermazioni di essere stato estromesso da tali decisioni.

La nuova giunta. I nuovi assessori sono: Paolo Giacomelli, direttore del settore Igiene Urbana del Comune di Roma; Enrica Amaturo, professore ordinario di Sociologia, preside della facoltà;  Diego Guida, industriale-editore; Pasquale Belfiore, ordinario di Composizione architettonica alla Sun nonché presidente dell’Inarc Campania; Marcello D’Aponte professore ordinario di Diritto del Lavoro Pubblico presso la Facoltà di Scienze Politiche della Federico II; Riccardo Realfonzo professore ordinario di Economia Politica all’Università del Sannio.

Le nuove cariche. I sei nuovi volti della giunta comunale di Napoli si occuperanno rispettivamente:

Enrica Amaturo – Personale, Utilizzo delle Risorse Umane e Riforma della macchina comunale, Rapporti con i Sindacati (compresi quelli della Polizia Municipale), Rapporti con la Città, Anagrafe, Stato Civile, Servizio Elettorale, Protocollo, Archivi correnti, Statistiche demografiche, Censimenti.

Diego Guida –Decoro e Arredo Urbano, Biblioteche Civiche, Archivi Storici e riordino degli Archivi Comunali, Memoria della Città, Tempo libero.

Pasquale Belfiore – Edilizia Pubblica e Privata, Collaborazione tecnica al recupero del Centro Storico, Sirena Disagio urbano, Politica della Casa (in stretto collegamento con l’Urbanistica), Area CIPE, Pubblica illuminazione, Pubblicità, Affissione.

Riccardo Realfonzo – Programmazione Economica, Bilancio, Politica delle Entrate, Investimenti e Mutui, Controllo della Spesa, Tributi, Tutte le partecipate (in collaborazione con gli Assessori competenti per materia).

Paolo Giacomelli – Igiene della Città, Nettezza Urbana, Raccolta Differenziata, Rapporti con l’ASIA, Rapporti con Stato e Regioni per RSU.
Marcello D’Aponte – Patrimonio, Demanio, Assegnazione immobili, Manutenzione degli immobili a reddito, Sicurezza abitativa.

L’illustre rifiuto. Francesco Boccia ha invece respinto l’invito ad entrare nella nuova giunta affermando che è “Mutato il clima e vi è una mancanza di condizioni che avevano portato alla mia designazione”. Il barese, osannato da Walter Veltroni ed Enrico Letta come l’uomo che avrebbe rilanciato la nuova giunta comunale partenopea, ha dunque detto no grazie, lasciando tutti in un clima di stupore.

La giunta dei professori. Così è stata ribattezzata la nuova giunta napoletana; il nome è stato coniato in quanto tra i nuovi sei assessori ben quattro sono professori universitari di illustre spessore.

Gianmarco Delli Veneri 

Comments are closed.