giovedì, Giugno 20, 2024
HomeAttualitàVino, nel nuovo catalogo di Elemento Indigeno oltre 550 referenze

Vino, nel nuovo catalogo di Elemento Indigeno oltre 550 referenze

Date:

Articoli correlati

Giappone, approvata nuova legge sul finanziamento dei partiti

Dopo scandali che hanno investito il partito di Kishida Roma,...

Usa, Louisiana ordina esposizione Dieci Comandamenti nelle scuole

E’ il primo stato americano a farlo Roma, 19 giu....

Grillo contro Conte su linea e regole, ma forse non ha truppe

Propone di smarcarsi dal centrosinistra. Le reazioni: c’è lo...

“Vini non convenzionali e innovatori” di 75 produttori di 29 Paesi

Milano, 29 apr. (askanews) – Otto macrocategorie, sei rubriche tematiche di approfondimento e 75 produttori di 29 Paesi per un totale di più di 550 referenze. Si presenta così “Wine is”, il nuovo catalogo di Elemento Indigeno, progetto di Compagnia dei Caraibi che importa e distribuisce in Italia “vini liberi, selvaggi, non convenzionali, innovatori, audaci”.

Non la classica divisione per vitigno o Denominazione dunque, ma “attenzione alle storie e ai sogni dei vignaioli, per vini dal forte senso del radicamento al territorio, fedeli custodi delle tradizioni, figli di viaggi avventurosi e buoni per essere condivisi”. Attraverso le macrocategorie (“Wine is a … rockstar, roots, contaminations, a rematch, a guardian, a backpacker, conviviality, finished”), Elemento Indigeno “sposta il focus dalle convenzioni associate a produttori e zone vinicole alle singole referenze, ognuna celebrata per i suoi tratti identitari”.

Inframmezzano le macrocategorie, le sei rubriche tematiche che esplorano momenti, luoghi e situazioni di consumo per orientare al meglio la scelta: dai “Pizza Wines” ai “Wines for breakfast”, dai vini da stappare durante un film a quelli perfetti per un “pool party”, da quelli da conservare per i tete-a-tete fino a quelli da bere da soli.

“‘Wine is’ – spiega Elemento Indigeno – conferma la nostra anima: etichette pensate per coinvolgere e farsi coinvolgere da nuovi orizzonti, sapori e dalla volontà di considerare il vino nella sua dimensione più umana e artigianale”.

Ultimi pubblicati