sabato, Luglio 20, 2024
HomeAttualitàVino, Masottina: "Felice 83" è il primo "R.D.O. Ambassador" in Usa

Vino, Masottina: “Felice 83” è il primo “R.D.O. Ambassador” in Usa

Date:

Articoli correlati

Pozzuoli, Bradisismo: fatti concreti nell’esclusivo interesse della Città.

L’Amministrazione, di fronte alle legittime ansie e preoccupazioni dei...

Un documentario su Mimmo Lucano apre il Faito Doc Festival

Da 17 al 24 luglio con 50 opere proiettate...

Ristorante di NY promuove il cru Rive di Ogliano con vecchie annate

Milano, 23 giu. (askanews) – Masottina, la storica Cantina del Conegliano Valdobbiadene, amplia la cerchia dei suoi “R.D.O. Ambassador”, i testimonial del “Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Rive di Ogliano Docg”, oltre i confini nazionali con “Felice 83”, ristorante italiano di New York. Il locale ha sposato infatti il progetto “Il valore del tempo” e propone in carta vecchie annate di R.D.O., progetto con cui l’azienda guidata dal 1946 dalla famiglia Dal Bianco esalta questo cru declinato nelle varianti “Levante” (primo Rive nella Top 100 di “Wine Spectator”), e “Ponente”.

“Dal primo anno di produzione, nel 2009, conserviamo ogni millesimo degli R.D.O.: sono vecchie annate che danno vita a questo progetto, il quale nasce dalla visione della mia famiglia di andare oltre all’idea classica e generalizzata del Prosecco e che sta dimostrando la potenza dei nostri vini grazie al terroir unico di Ogliano” spiega il vicepresidente di Masottina, Federico Dal Bianco, precisando che “dopo “L’Alchimia” a Milano, “Camponeschi” a Roma, “La Moscheta” a Padova e “Trattoria Città di Venezia” a Conegliano, siamo orgogliosi di piantare la prima bandiera dei nostri R.D.O. Ambassador negli Stati Uniti, in una città importante e unica come New York”.

“Accettare di diventare R.D.O. Ambassador è stata una decisione immediata perché Masottina è un’azienda che da più di settantacinque lavora ed esporta all’insegna del binomio perfetto di ‘Felice 83’: estrema attenzione alla qualità e orgoglio italiano” afferma Christian Ferrulli, wine director del gruppo Felice Restaurants, sottolineando che “chi vive e lavora a New York sa che staccarsi dalla frenesia quotidiana per ritagliarsi un momento di relax e allentare i ritmi diventa una necessità e, anche per questo, siamo felici che la nostra clientela possa godere del ‘valore del tempo’ vivendo un’esperienza unica accompagnata da vini sorprendenti e piatti tipici del Bel Paese”.

Ultimi pubblicati