domenica, Aprile 14, 2024
HomePoliticaTg Politico Parlamentare, edizione del 27 marzo 2024

Tg Politico Parlamentare, edizione del 27 marzo 2024

Date:

Articoli correlati

Israele sotto attacco, Khamenei: “Il regime malvagio sarà punito”

Attacco contro Israele denominato “Promessa onesta” Roma, 13 apr. (askanews)...

Fondi Sud,De Luca: Consiglio stato non ha dato ragione al Governo

Il governatore: ha sospeso i termini Napoli, 13 apr. (askanews)...

“Dolce Vita Orient Express”: vini con Vinitaly e menù con Heinz Beck

Il treno del lusso a Veronafiere. Primo viaggio in...

DALLA CAMERA PRIMO VIA LIBERA AL CODICE DELLA STRADA

Via libera dell’Aula della Camera al disegno di legge sul codice della strada con 163 sì, i voti contrari sono 107. Il testo ora passa all’esame del Senato. A favore hanno votato Fdi, Lega e Forza Italia. Contrarie tutte le opposizioni per le quali si tratta di “un intervento spot, lacunoso e contraddittorio”. Il testo inasprisce le misure di contrasto alla guida sotto l’effetto di alcol e di stupefacenti. Aumenta la sospensione della patente in caso di utilizzo alla guida di smartphone. Il disegno di legge impone poi una stretta nei confronti di chi abbandona gli animali in strada e innalza le limitazioni alla guida per i neopatentati. Arriva infine per i conducenti di monopattino l’obbligo del casco, del contrassegno e della polizza rc, oltre al divieto di uscire dai centri urbani. Per il vicepremier e ministro dei Trasporti Matteo Salvini le nuove norme servono a “salvare vite”.

CASO BARI, DECARO ED EMILIANO SARANNO ASCOLTATI IN ANTIMAFIA

Non si placano le polemiche sul caso Bari. La commissione Antimafia ha deciso di ascoltare Antonio Decaro e Michele Emiliano. Il sindaco di Bari e il presidente della regione Puglia compariranno tra un decina di giorni davanti alla bicamerale. Le opposizioni hanno chiesto anche l’audizione del procuratore Roberto Rossi, il titolare dell’inchiesta, e del ministro Matteo Piantedosi. Pd, Avs, Italia Viva e Cinquestelle vogliono ascoltare il titolare del Viminale per “approfondire le modalità improprie” con cui si è arrivati all’invio della commissione e valutare che non ci siano state “violazioni della prassi”.

PRIVATIZZAZIONE POSTE, GIORGETTI: LA QUOTA MEF VALE 4,4 MILIARDI

“Le risorse che potranno essere ottenute” da un’eventuale cessione dell’intera partecipazione del Mef in Poste potrebbero “ammontare a circa 4,4 miliardi”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, intervenendo alle commissioni Bilancio e Trasporti di Camera e Senato. La cessione “non determinerà la perdita del controllo sulla società, che continuerà a essere esercitato dallo Stato”, ha detto ancora il ministro, precisando che “il Mef realizzerà l’operazione nel momento più adeguato alla massimizzazione dell’introito realizzabile, cercando di conciliare le condizioni del mercato con le esigenze di finanza pubblica”. Il titolare dell’Economia ha promesso anche massima attenzione del governo sui livelli occupazionali. Nel Cdm di ieri sera, intanto, il governo ha dato una nuova stretta al superbonus, una misura dalla “eccessiva generosità” causando “gravi danni alla finanza pubblica”.

NASCE LA MAPPA DI TUTTE LE COLONNINE ELETTRICHE

Una mappa online delle oltre 40 mila colonnine di ricarica per i veicoli elettrici in Italia, che permetterà agli automobilisti di consultare posizione e prezzi, anche in autostrada. Arriva il portale Pun, la Piattaforma unica nazionale realizzata dal Ministero dell’Ambiente, insieme a Gse e Rse, che permette all’automobilista di pianificare in anticipo tutte le soste necessarie. Il presidente di Gse, Paolo Arrigoni, parla di “strumento importantissimo per i cittadini ed entro fine anno, quando termineremo la mappatura, arriverà anche l’app”, annuncia. Ambizioso l’obiettivo fissato dal ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin che “punta ad avere 130 mila colonnine in Italia entro il 2030”, per servire i sei milioni di auto elettriche che si prevede circoleranno allora nel Paese.

L’articolo Tg Politico Parlamentare, edizione del 27 marzo 2024 proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Ultimi pubblicati