De Bortoli rinuncia alla presidenza Rai
9 Marzo 2009
Vulesse na carezza
9 Marzo 2009
Mostra tutto

Tokyo scivola ai minimi da 26 anni

L'indice Nikkei della borsa di Tokyo è scivolato dell'1,21 , toccando il minimo in chiusura degli ultimi 26 anni sui timori per General Motors. Penalizzate anche le altre piazze asiatiche, per il venir meno delle speranze di ulteriori stimoli per l'economia cinese.

L’indice Nikkei della borsa di Tokyo è scivolato dell’1,21 , toccando il minimo in chiusura degli ultimi 26 anni sui timori per General Motors. Penalizzate anche le altre piazze asiatiche, per il venir meno delle speranze di ulteriori stimoli per l’economia cinese.

I TITOLI – L’attesa, che aveva aiutato i mercati recentemente, era di novità, in termini di misure di sostegno, dall’incontro annuale cinese del National People’s Congress. Il benchmark Nikkei ha perso 87,07 punti a 7.086,03, mentre l’indice allargato Topix è sceso dell’1,51% a 710,53. La crisi si fa sentire anche nelle altre piazze asiatiche. Hong Kong scende del 2,71% e il colosso bancario Hsbc cala dell’11% ai minimi da 11 anni, per i timori sui suoi cattivi prestiti negli Usa. Shanghai arretra del 3,36%, Taiwan dello 0,55%, Hong Kong chiude giù del 4,8% e Seul sale dell’1,58%.

PIAZZA AFFARI – Inverte improvvisamente la rotta Piazza Affari dopo neanche 10 minuti di contrattazioni. Il Mibtel segna un calo dello 0,82% a 10.652 punti e lo S&P/Mib dell’1,57% a 12.693 punti. Pochi i titoli in crescita, tra i quali Impregilo (+2,61% a 1,85 euro), Tenaris (+1,18% a 6,41 euro) e Geox (+1,13% a 4,7 euro). Pesante Mps (-3,96% a 0,8 euro), preceduta di poco da Unicredit, che strappa al ribasso e viene sospesa per eccesso di volatilità, segnando un calo teorico del 3%. Sospesa anche Intesa Sanpaolo (-3,3% il teorico), mentre Eni cede il 2,68% a 11,96 euro) e Fiat (-2,28% a 3,85 euro) gira in negativo dopo un avvio stabile a quota 3,99 euro.

TISCALI – Non riesce a fare prezzo Tiscali in Piazza Affari. Il titolo è sospeso al ribasso fin dall’apertura di questa mattina e segna un calo teorico del 40% dopo le comunicazioni di venerdì scorso sulla rottura delle trattative con BSkyB per la cessione delle attività inglesi. Il gruppo ha inoltre annunciato l’arrivo di un nuovo piano industriale, connesso con un piano finanziario, oltre alla richiesta alle banche finanziatrici di sospendere le scadenze sul debito.

BORSE EUROPEE – Virata per le borse europee, che passano al segno meno, dopo avere aperto positive. I listini europei si allineano a quelli asiatici. Londra perde lo 0,78%, con i bancari sempre molto negativi. Francoforte arretra dello 0,46% e Parigi dell’1,03%.

IN RIALZO IL GREGGIO – Aumenta il prezzo del petrolio greggio in Asia, dopo il rialzo più elevato di venerdì a New York. Nel dopomercato elettronico che fa riferimento al Nymex, la Borsa merci di New York, a Singapore il greggio “light sweet” per consegna a aprile è stato trattato lunedì a mezzogiorno, ora locale, a 46,33 dollari a barile, con un rialzo di 0,81 dollari sulle quotazioni di venerdì sera a New York, dove aveva huadagnato 1,91 dollari salendo a 45,52 dollari a barile.

Comments are closed.