Verdi: “Gravissimi i tagli alla scuola”
21 Ottobre 2008
Consulta: bagarre in aula
21 Ottobre 2008
Mostra tutto

Italia, è allarme recessione

Per l'Italia è allarme recessione. Quello che si temeva per il nostro Paese, viene confermato dalle ultime stime del Fondo Monetario Internazionale. E certificato anche dalle parole del Governatore di Bankitalia Mario Draghi che rileva «segnali negativi per i prossimi trimestri». Nello stesso giorno in cui il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi annuncia un «tavolo, a Palazzo Chigi, con banche e imprenditori» Bankitalia e Fmi lanciano l'allarme sullo stato di salute dell'economia italiana sulla scia della crisi dei muti.

Per l’Italia è allarme recessione. Quello che si temeva per il nostro Paese, viene confermato dalle ultime stime del Fondo Monetario Internazionale. E certificato anche dalle parole del Governatore di Bankitalia Mario Draghi che rileva «segnali negativi per i prossimi trimestri». Nello stesso giorno in cui il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi annuncia un «tavolo, a Palazzo Chigi, con banche e imprenditori» Bankitalia e Fmi lanciano l’allarme sullo stato di salute dell’economia italiana sulla scia della crisi dei muti.

«CALANO I CONSUMI» – «Dopo il calo del Pil nel secondo trimestre i più recenti indicatori confermano segnali negativi per i prossimi trimestri». È questo l’allarme lanciato da Mario Draghi, in audizione in Senato. «Calano i consumi delle famiglie sotto il peso dell’erosione del reddito disponibile, a causa dell’inflazione e dell’aumento del servizio al debito» ha detto ancora il Governatore della Banca d’Italia. Per questo, secondo il governatore, è opportuno, anzi urgente, «nel breve termine, ripristinare il clima di fiducia di cittadini e mercati». «Nessun depositate perderà nulla» è la rassicurazione fornita dal governatore a Palazzo Madama.

NEL 2009 RIFORMA TRASPARENZA BANCARIA – All’inizio del prossimo anno la Banca d’Italia proporrà una riforma delle norme sulla trasparenza bancaria, ha detto ancora Draghi. L’obiettivo – spiega «è rendere la tutela più semplice e più efficace». Inoltre «abbiamo reso più incisive le ispezioni sulla trasparenza e la correttezza ; intensificato gli interventi che seguono gli esposti con cui la clientela sui rivolge a noi quando ritiene di aver subito trattamenti scorretti da parte delle banche».

BANCHE NON LASCINO SOLI I CLIENTI – Le banche «devono» assistere prontamente i propri clienti che hanno investito in titoli della galassia Lehman Brother, «non devono lasciarli soli» ma curare i loro interessi, tutelandone in tutti i modi i diritti. Draghi, richiama così ad un ruolo attivo le banche, per una piena assistenza e tutela dei clienti che hanno investito in titoli Lehman Brother. «Non è possibile chiedere ai singoli risparmiatori di orientarsi in questo intreccio. Gli intermediari (banche, fondi, altre società) che hanno promosso il collocamento dei titoli o che ne curano la custodia non devono lasciarli soli. Devono assistere prontamente ed efficacemente i risparmiatori, ciascuno per le proprie responsabilità, ed essere pronti a compiere nel loro interesse tutte le azioni necessarie a tutelarne i diritti». «Assistenza adeguata, informazioni chiare, aperte e complete sono essenziali. Lo richiedono norme di legge, doveri fiduciari, tutela del buon nome. Abbiamo sollecitato gli intermediari in questo senso».

FMI – «La crisi economica durerà almeno fino al 2010. Due anni di crescita negativa» erano state queste in precedenza le poco rosee previsioni del Fondo monetario internazionale per l’Italia, stimando un prodotto interno lordo a -0,1% per il 2008 e a -0,2% per il 2009. Sono questi i dati contenuti nelle Prospettive economiche regionali per l’Europa presentate oggi a Bruxelles, che riprendono le stime del World economic outlook dell’8 ottobre scorso.

ZONA EURO – La zona euro crescerà dell’1,3% nell’anno in corso e dello 0,2% per l’anno prossimo e i Ventisette dell’1,7% e dello 0,6%. Secondo l’Fmi l’Italia è l’unico Paese della zona euro, insieme all’Irlanda, ad essere destinata ad una crescita negativa per due anni di seguito. Dublino dovrebbe mettere a segno un -1,8% per l’anno in corso e un -0,6% per il 2009. Nel 2009 anche la Spagna sarà in zona rossa, con un -0,2%. La Francia si attesterà rispettivamente allo 0,8% e allo 0,2%, mentre la Germania, dopo un +1,8% per l’anno in corso, avrà una crescita piatta per l’anno prossimo. L’inflazione italiana, secondo il Fondo, si attesterà al 3,4% nel 2008 per poi scendere all’1,9% nel 2009. Quella della zona euro, dopo un 3,5% nel 2008, segnerà un 1,9% nel 2009.

TAGLIO TASSI – Di fronte alla prospettiva di un calo dell’inflazione e «con ulteriori rischi al ribasso provenienti dal settore finanziario», è emersa «l’opportunità di allentare la politica monetaria» in Europa sottolinea ancora il Fondo Monetario Internazionale con quello che sembra un chiaro invito alla Bce a tagliare ancora i tassi ora al 3,75% con il pronti contro termine.

DEFICIT – «Operazioni di stabilizzazione fiscale automatica dovrebbero sostenere l’attività economica, ma la salvaguardia della sostenibilità di lungo termine dei conti richiede che i deficit siano mantenuti nei limiti delle regole di bilancio. Eccezioni possono essere considerate se e quando le risorse pubbliche sono necessarie ad alleviare direttamente gli stress finanziari» scrive l’Fmi.

LIBERALIZZAZIONI – Per migliorare il proprio potenziale di crescita, l’Italia però deve portare avanti “le liberalizzazioni”. E’ questo il consiglio di Alessandro Leipold, capo-delegazione uscente del Fondo monetario internazionale in Italia e direttore del Fmi per l’Europa. Leipold ha sottolineato come «il governo attuale ha la maggioranza giusta per agire». A chi gli chiedeva un commento sul fatto che la direzione intrapresa dall’Unione europea per far fronte alla crisi sembra essere piuttosto quella degli aiuti di Stati, Leipold ha risposto: «Non è la direzione giusta». E ha aggiunto: «Il problema è vedere quando le politiche difensive finiscono per diventare ostacoli e blocchi nazionali».

Gennaro Tuccillo

Comments are closed.