Corte dei Conti: «Corruzione nella P.A. è una tassa occulta da 60 miliardi»
25 Giugno 2009
Il premio Faraglioni assegnato ad Andrea Bocelli
25 Giugno 2009
Mostra tutto

Draghi: «Il Pil se non succede niente di negativo scenderà nel 2009 del 5%»

«Il Pil, se non succede niente, in altre parole se non continua a cadere, alla fine di quest'anno sarà sceso del 5% circa». Lo ha detto, intervenendo alla presentazione del Rapporto sull'economia dell'Abruzzo, il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi.

«Il Pil, se non succede niente, in altre parole se non continua a cadere, alla fine di quest’anno sarà sceso del 5% circa». Lo ha detto, intervenendo alla presentazione del Rapporto sull’economia dell’Abruzzo, il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi.

BANCHE – Intanto è ancora polemica tra i banchieri e il ministro dell’Economia Giulio Tremonti. «Dire che tutti i problemi vengono dalle banche è strutturalmente sbagliato», ha detto Profumo. «L’economia reale è in difficoltà, le imprese, soprattutto le piccole, sono in difficoltà per il forte allungamento dei tempi di pagamento dei loro clienti e le banche le stanno sostenendo in questo fenomeno», ha aggiunto l’amministratore delegato di Unicredit. Molto critico invece sull’atteggiamento di banche e banchieri era stato mercoledì ancora una volta il ministro Tremonti secondo il quale il problema del credito erogato dal sistema bancario italiano è una partita ancora aperta.

Comments are closed.