Leucemia, scovate cellule killer
18 gennaio 2008
Cellulari accesi a bordo, tre denunciati
19 gennaio 2008
Mostra tutto

Commercio estero, bilancio positivo

Nei primi undici mesi del 2007 l'export complessivo verso il mondo e' cresciuto dell'11,1%, e nei primi 10 mesi del 2007, come mostrano i dati diffusi ieri dall'Eurostat, il tasso di crescita dell'export italiano (+12%) si e' confermato il piu' alto nella UE-15, davanti a quello della Germania (+10%). Pur in presenza di un certo rallentamento, quindi, la dinamica del commercio estero italiano e' rimasta positiva.

Nei primi undici mesi del 2007 l’export complessivo verso il mondo e’ cresciuto dell’11,1%, e nei primi 10 mesi del 2007, come mostrano i dati diffusi ieri dall’Eurostat, il tasso di crescita dell’export italiano (+12%) si e’ confermato il piu’ alto nella UE-15, davanti a quello della Germania (+10%). Pur in presenza di un certo rallentamento, quindi, la dinamica del commercio estero italiano e’ rimasta positiva.

E’ quanto afferma Emma Bonino, Ministro per il Commercio Internazionale e per le Politiche Europee, commentando i dati Istat diffusi oggi. ”Siamo consapevoli – ha proseguito il ministro Bonino – che pesano sulla congiuntura economica mondiale fenomeni che destano preoccupazione: la crisi dei mutui subprime americani, i rincari del petrolio, la possibile ripresa dell’inflazione. Proprio per questo ci attrezziamo per contrastare eventuali segnali di rallentamento del nostro export con una attivita’ di promozione piu’ intensa e mirata, in particolare nei mercati piu’ difficili, come Stati Uniti e Giappone”. ”Resta invece molto buona” ha concluso Bonino ”la crescita del nostro export a novembre verso Paesi come Francia, Belgio e Grecia, per non parlare di molti Paesi di recente adesione dell’Europa Centro-Orientale, in special modo Polonia, Repubblica Ceca e Slovenia dove i tassi di aumento viaggiano addirittura a due cifre rispetto al novembre 2006”. Nei primi nove mesi del 2007 il saldo commerciale verso la UE e’ risultato attivo per 6,7 miliardi di euro, con un miglioramento di 6,4 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2006. Il saldo complessivo dell’Italia verso il mondo e’ addirittura migliorato di 13,2 miliardi di euro con un calo del deficit da 20,5 a 7,3 miliardi. Cio’ e’ stato dovuto principalmente ai manufatti, il cui surplus e’ cresciuto di oltre 10 miliardi raggiungendo i 47 miliardi di euro, con la concreta prospettiva di toccare quota 50 miliardi di euro a fine 2007.  

Federica Daniele

Comments are closed.