Europa writes to Usa
26 Ottobre 2020
Se proprio dovete storpiare i sostantivi, storpiateli bene!
29 Ottobre 2020
Mostra tutto

Crisi profonda per il trasporto aereo

Bisognerà capire come reagirà il settore del trasporto aereo alla crisi provocata dall’emergenza sanitaria del Covid-19.

Nel frattempo ci ha pensato Samanth Subramanian del The Guardian a parlarne. Le compagnie devono inventarsi un futuro. Con migliaia di licenziamenti e perdite esponenziali, il settore del trasporto aereo è uno dei più colpiti dalla crisi dovuta alla pandemia globale.

Le compagnie aeree hanno bisogno di passeggeri per ripagare i prestiti, nei prossimi anni saranno influenzate dal fenomeno delle entrate che saranno notevolmente più basse e incerte.

La IATA (International Air Transport Association) prevede che il ritorno alla normalità per quanto riguarda il numero di passeggeri si avrà intorno al 2023, ma altri Data Journalists parlano del 2024/2025.

L’investimento in progetti a tutela dell’ambiente, con un’imposizione europea di condizioni per la tutela dell’ambiente all’interno dei piani di salvataggio delle compagnie. Si parla di dimezzamento delle emissioni e limitazione di voli a corto raggio, sostituiti da viaggi in treno.

«Il problema non è la caduta, ma l’atterraggio».

Matteo Giacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *