mercoledì, Novembre 29, 2023
HomeAttualitàSuccesso Sardegna a Bruxelles per Settimana cucina italiana

Successo Sardegna a Bruxelles per Settimana cucina italiana

Date:

Articoli correlati

Taekwondo , undici medaglie per la Polisportiva Pozzuoli

Le criticità nella formazione giovanile si superano anche impegnandosi...

Draghi sull’altare: ‘Re Mario’ racconta la sua Roma

ROMA – “Ao, alla fine sull’altare ce l’hanno...

Lollobrigida: cucina italiana merita entrare in Patrimonio Unesco

Roma, 20 nov. (askanews) – “Il sistema alimentare per noi è fondamentale: diamo benessere ai nostri cittadini e a tutto il pianeta. E in virtù delle sue eccellenze e delle sue particolarità, la cucina italiana è candidata a Patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco nel 2025. Sfido chiunque a dire che l’Italia non lo meriti. È importante il risultato? Se non fossi scaramantico, lo darei per scontato: ma l’elemento fondamentale è il percorso”.

Lo ha detto il ministro dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, nel corso della manifestazione al Palais d’Afrique, che ha visto le eccellenze enogastronomiche sarde protagoniste a Bruxelles per la Settimana della cucina italiana nel mondo. “I danesi ci hanno chiesto perchè gli italiani vivono di più – ha detto il ministro – basta che guardate quello che mangiamo, vale per la Sardegna e per tutta Italia”.

“La prima giornata è stata fondamentale per confermare ancora una volta quanto ci sia voglia di Italia e italianità: la cucina sarda, con tre tavoli di degustazioni, ha governato la platea, dando prova ancora una volta di quanto l’eccellenza dei nostri prodotti sia di altissimo livello”, ha detto l’assessore all’Agricoltura della Regione Autonoma della Sardegna, Valeria Satta. La Sardegna ha portato a Bruxelles vini, dolci, piatti tipici e soprattutto il ‘Menù Deleddiano’, ricreato dai cuochi sardi e dedicato alla scrittrice sarda e premio Nobel, Grazia Deledda, che rappresentava nei suoi libri la creazione di piatti del tempo, descrivendoli minuziosamente.

“Non solo cibo quindi, ma anche tanta cultura della nostra terra”, ricorda l’assessore, secondo cui “questi eventi servono non solo a promuovere le nostre aziende e i nostri prodotti, ma anche a raccontare una terra, il suo popolo, le sue identità e le tradizioni”.

Ultimi pubblicati