domenica, Marzo 3, 2024
HomeAttualitàStrage di Erba, la Corte d'Appello di Brescia: sì alla revisione del...

Strage di Erba, la Corte d’Appello di Brescia: sì alla revisione del processo per Olindo Romano e Rosa Bazzi

Date:

Articoli correlati

Meloni: ottimo rapporto con Mattarella, sinistra vuol creare crepa

“Lo usano per campagna contro premierato. Riconteggio Sardegna? Aspettiamo...

Mediolanum Padel Cup 2024, domani a Venezia si giocano le finali

In programma anche il Football Padel Show con le...

Riyadh Season P1, titolo a Lebron-Galan e Josemaria-Sanchez

Le due coppie numero 1 si aggiudicano il primo...

Accolta l’istanza della difesa e del sostituto procuratore generale di Milano. Prima udienza il primo marzo

Milano, 9 gen. (askanews) – Sì alla revisione del processo sulla cosidetta strage di Erba che ha portato alla condanna definitiva all’ergastolo di Rosa Bazzi e Olindo Romano per l’omicidio di 4 persone l’11 dicembre 2006. Lo ha stabilito la corte d’Appello di Brescia accogliendo la richiesta avanzata dall’avvocato Fabio Schembri, difensore della coppia, e del sostituto procuratore generale di Milano Cuno Tarfusser. La prima udienza dedicata all’esame delle nuove prove, riferiscono fonti legali, è stata fissata in calendario per il 1 marzo prossimo.

“Le prove alla base della condanna di Rosa Bazzi e Olindo Romano non provano la loro colpevolezza: sono prove inconsistenti”. Così il sostituto procuratore generale di Milano, Cuno Tarfusser, commenta la decisione della corte d’Appello di Brescia di dire sì alla sua richiesta di revisione del processo che ha portato alla condanna definitiva dei coniugi Romano per la  strage di Erba. “Professionalmente sono più che soddisfatto – prosegue il magistrato, – mi ritengo un operaio del diritto, un operaio specializzato, e mi limito ad esaminare le carte. Il mio è un ragionamento che si basa esclusivamente sulla valutazione delle prove”.

Il processo che prenderà il via il 1 marzo davanti alla Corte d’Appello di Brescia sarà focalizzato sul carattere di “novità” degli elementi acquisiti dopo la sentenza definitiva della Cassazione. “E’ la corte d’Appello di Brescia che ha il pallino in mano e effettuerà una valutazione di novità delle prove acquisite. Se le prove acquisite saranno ritenute tecnicamente nuove, allora si rifà il processo. Nuove prove che, da sole o unite a quelle già agli atti, dimostrano che il condannato deve essere ritenuto non colpevole”.

Ultimi pubblicati