martedì, Marzo 5, 2024
HomeAttualitàStartup giapponese consegna primi maialini per xenotrapianti

Startup giapponese consegna primi maialini per xenotrapianti

Date:

Articoli correlati

Ue, cosa prevede l’accordo in trilogo sul regolamento imballaggi

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti plastica monouso Bruxelles,...

Calcio, Sarri: “Niente è impossibile, serve coraggio”

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar....

Regolamento sugli imballaggi, c’è l’accordo tra le istituzioni Ue

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles,...

Per far partire la sperimentazione pre-clinica

Roma, 13 feb. (askanews) – La startup giapponese PorMedTec, in collaborazione con la società di biotecnologie Usa eGenesis, ha annunciato oggi la consegna di tre maialini geneticamente alle istituzioni mediche nipponiche per effettuare la ricerca pre-clinica volta agli xenotrapianti.

I tre suini sono nati l’11 febbraio e sono stati generati geneticamente modificati per avere organi adatti al trapianto nell’uomo.

Negli ultimi anni, in Giappone, solo il 3% circa di coloro che richiedono un trapianto di organi ne ricevono effettivamente uno, e uno dei motivi è l’estrema carenza di donatori di organi (meno di 1/60 negli Stati Uniti, meno di 1/60 in Corea del Sud). 1/9). Questo ha portato a grandi aspettative per l’applicazione clinica degli xeno-organi.

PorMedTec è una startup uscita dall’Università Meiji di Tokyo, con base a Kawasaki. eGenesis, invece, è una società americana con base nel Massachusetts. Nel 2023 la startup nipponica ha importato cellule di maiale geneticamente modificate da eGenesis e ha creato suinetti clonati utilizzando la tecnologia di trasferimento nucleare di cellule somatiche sviluppata presso l’Istituto internazionale per la ricerca sulle biorisorse dell’Università Meiji.

L’anno scorso i ricercatori delle due società hannno pubblicato sulla rivista Nature un articolo in cui si mostra come una scimmia a cui erano stati trapiantati reni di maiale sia sopravvissuta per più di due anni.

Si prevede che vengano condotti test clinici per trapianti interspecie tra maiali ed esseri umani già a partire dall’anno fiscale 2025, dopo che saranno completi i test sperimentali su scimmie e altre cavie.

Ultimi pubblicati