Facce
21 Settembre 2009
Tarantini esce dal carcere: domiciliari
21 Settembre 2009
Mostra tutto

Un pizzico d’Italia nel trionfo spagnolo

“Non ricordo una competizione in cui una nazionale si sia difesa cosi’ bene nelle ultime cinque partite, e poi abbia ottenuto un trionfo finale cosi’ schiacciante. Abbiamo fatto un lavoro straordinario”. Coach Sergio Scariolo, il ‘Pat Riley italiano’, ha tutte le ragioni per esultare, perchè è riuscito in un’impresa che sembrava impossibile: l’italiano è il primo tecnico a conquistare un oro continentale per la Spagna, il traguardo che mancava al basket spagnolo gia’ campione del mondo ed argento olimpico a Pechino. Con gli eroi del giorno, il dream team della nazionale di Gasol e Ricky Rubio (il primo cestista in assoluto di cui il Barcellona abbia commercializzato la canottiera), atterrati a Barajas con un volo dalla Polonia, è stato ricevuto con tutti gli onori alla Moncloa.

“Non ricordo una competizione in cui una nazionale si sia difesa cosi’ bene nelle ultime cinque partite, e poi abbia ottenuto un trionfo finale cosi’ schiacciante. Abbiamo fatto un lavoro straordinario”. Coach Sergio Scariolo, il ‘Pat Riley italiano’, ha tutte le ragioni per esultare, perchè è riuscito in un’impresa che sembrava impossibile: l’italiano è il primo tecnico a conquistare un oro continentale per la Spagna, il traguardo che mancava al basket spagnolo gia’ campione del mondo ed argento olimpico a Pechino. Con gli eroi del giorno, il dream team della nazionale di Gasol e Ricky Rubio (il primo cestista in assoluto di cui il Barcellona abbia commercializzato la canottiera), atterrati a Barajas con un volo dalla Polonia, è stato ricevuto con tutti gli onori alla Moncloa.

“C’è da sentirsi orgogliosi ad essere spagnoli – li ha salutati il Premier Josè Luis Zapatero -. Siete campioni d’Europa per merito vostro. Campioni come squadra, come gruppo, come capacita’ e responsabilita’, con la sportivita’ che tutti gli spagnoli apprezzano, per la quale vi ringraziano e vi sostengono”. E, nel salutare “la migliore generazione della nostra pallacanestro”, il Primo Ministro ha avuto parole di ringraziamento per il tecnico italiano, che nella Spagna dei palmares si è conquistato i galloni sul campo, “con umilta’, meticolosita’ e intelligenza”. Ma anche i giornali celebrano il trionfo di Scariolo, 48enne ex tecnico di Malaga e Real Madrid approdato al successo anche con la nazionale dopo gli scudetti vinti con la squadra andalusa e con quella ‘merenguè. “Il successo fara’ si’ che nessuno guardera’ piu’ al suo passaporto, che è quasi piu’ spagnolo che italiano – scrive oggi Marca tessendo gli elogi del coach -. Ma è tutta italiana la determinazione, la capacita’ di risalire la china, di fare gruppo e tenere unita la squadra davanti alle critiche che solo pochi giorni fa davano la squadra per finita, dopo l’incerto inizio del campionato europeo”. Il titolo di Eurobasket non è l’unico traguardo che il tecnico bresciano ha tagliato da quando si è trasferito in Spagna. In precedenza era riuscito a regalare al Real Madrid il titolo della Liga dopo 5 anni di astinenza, mentre a Malaga volevano fargli una statua per aver portato l’Unicaja al primo titolo nazionale, nel 2006, dopo aver vinto l’anno prima la Coppa del Re. “Ha le idee molto chiare e sa come raggiungere il suo obiettivo, che è vincere”, assicura Raul Lopez, che con Scariolo ha condiviso l’esperienza di Madrid e due anni nel Malaga. “Abbiamo recepito bene i suoi metodi, perchè rispetta e si fa rispettare”, gli fa eco il capitano Navarro. “è una delle persone piu’ intelligenti che ho conosciuto nel basket”, rilancia Jorge Garbajosa. Alla vigilia della finale con la Serbia Scariolo aveva promesso: “siamo venuti a fare storia”. Ha mantenuto la parola, ed oggi, nel giorno dei festeggiamenti e del trionfo, il tecnico italiano ha annunciato che continuera’ ad allenare la nazionale spagnola. Del resto, il contratto firmato fino all’estate del 2012, prevedeva un ciclo olimpico completo fino a Londra. “Rimango con il grande sostegno dei giocatori, con il loro rispetto e la consapevolezza che sappiamo rimanere uniti contro le difficolta”’, ha spiegato Scariolo. “Il risultato di ieri notte ricompensa tutto il lavoro e le speranze che avevamo – ha commentato il gigante d’Europa, Pau Gasol, che quest’anno ha vinto anche il titolo Nba con i Los Angeles Lakers -. Questo è l’oro piu’ sognato da tutti, per cui mi sento molto soddisfatto e con voglia di celebrarlo”. Oltre a essere ricevuti da Zapatero, i neo-campioni d’Europa sono stati accolti da Re Juan Carlos e dalla Regina Sofia al Palazzo della Zaruela.

Gennaro Coppola

Comments are closed.