Il feretro trasportato a spalla dagli alpini nella basilica romana di Santa Maria degli Angeli (Ansa)
Funerali solenni per l’alpino caduto
3 Gennaio 2011
Lula da Silva e Dilma Rousseff (Ansa)
Battisti, tensione alta. Proteste a Roma e Milano
4 Gennaio 2011
Mostra tutto

Sci al Circo Massimo, si va verso il no

Non sembra riscuotere gran successo l’idea di Maurizio Flammini, presidente del Fg Group e promoter del Gran Premio di Roma, di aver candidato Roma ad ospitare la tappa del 2012 di “The Sprinter”, la gara di Coppa del Mondo di Sci di Fondo che si tiene nelle citta’, soprattutto perche’ la location e’ l’area archeologica del Circo Massimo, come si legge nel sito “Romaformulafuturo.com”.

Non sembra riscuotere gran successo l’idea di Maurizio Flammini, presidente del Fg Group e promoter del Gran Premio di Roma, di aver candidato Roma ad ospitare la tappa del 2012 di “The Sprinter”, la gara di Coppa del Mondo di Sci di Fondo che si tiene nelle citta’, soprattutto perche’ la location e’ l’area archeologica del Circo Massimo, come si legge nel sito “Romaformulafuturo.com”.

Dal Campidoglio, in particolare Simone Turbolente portavoce del sindaco di Roma Gianni Alemanno, viene spiegato che “dopo primi contatti preliminari, nessun progetto e’ stato approvato dall’Amministrazione”. Quindi, secondo il Campidoglio, quanto indicato sul sito di Roma Formula Futuro “deve essere ricondotto solamente fra le idee progettuali avanzate dal Gruppo Flammini senza alcun coinvolgimento di Roma Capitale ne’ delle altre istituzioni che, eventualmente, dovrebbero esprimersi in merito. Tentare, quindi, di associare il sindaco in una polemica di questo genere e’ una sciocchezza colossale”. Anche il sottosegretario ai Beni Culturali Francesco Giro di non saperne nulla. “Non mi risulta – spiega – sia stato presentato alla Soprintendenza statale speciale per i beni archeologici di Roma alcun progetto, essendo questo l’unico ufficio delegato a rilasciare la necessaria autorizzazione per il regolare svolgimento dell’evento”. Ed aggiunge: “Non spetta a me esprimere giudizi sulla neve al Circo Massimo, anche se credo che qualche perplessita’ possa esservi dopo la sabbia del Beach Soccer dell’estate scorsa, una rassegna che ci ha dato qualche problema di troppo. Comunque i progetti vanno valutati per quello che sono e senza alcun pregiudizio”. Da Pd, Idv, Sel, Psi e anche da La Destra e’ invece un coro netto di no. In molti accusano l’amministrazione Alemanno di voler trasformare Roma in un grande “parco giochi”, senza rispetto per la sua storia e soprattutto il suo patrimonio archeologico. Il Pd ha chiesto formalmente al sindaco Alemanno “di fermare questa commistione tra gli affari di Flammini e le istituzioni pubbliche a partire dal ruolo del Comune di Roma visto che non rientra nei compiti dell’istituzione la velocizzazione della burocrazia di eventi del tutto sconosciuti nel merito e nelle procedure, come afferma invece il manager nel sito www.romaformulafuturo.com”. Sel si augura che il ministero dei Beni Culturali senta il dovere di intervenire per evitare che luoghi simbolo della citta’ e del paese siano alla merce’ di idee bizzarre di privati cittadini mossi da interessi personali”. Per l’Idv “il business vince sulla storia”; per il Psi la citta’ e’ “allo sbando” e lamenta il silenzio del ministro Sandro Bondi. Per l’esponente del La Destra Storace “se il Campidoglio nega di essere coinvolto sull’incredibile progetto per lo sci al Circo Massimo, ci chiediamo che credibilita’ abbia chi lo coinvolge. Soprattutto se si tratta dello stesso gruppo che pretende di decidere da solo pure sul Gp di F1 a Roma”. La butta sull’ironia per esprimere il dissenso il Coordinamento Residenti Citta’ Storica che propone il Festival Internazionale della ‘Pizza e Fichi’ nel Colosseo (proprio dentro il Colosseo); Miss Universo sull’Altare della Patria; l’esposizione mondiale dei caterpillar all’Ara Pacis; hockey su ghiaccio in piazza di Spagna;campionato mondiale di biglie su sabbia in via della Conciliazione;corrida in Piazza Farnese. Confidiamo che l’economia ma soprattutto l’immagine della citta’ – concludono i residenti – ne avra’ un beneficio incommensurabile”.

Caterina Giorgio

Comments are closed.