Salma di Mike Bongiorno rubata da cimitero Arona (Ansa)
Rubata salma Mike Bongiorno
25 Gennaio 2011
La domenica ecologica per la maratona di Napoli
26 Gennaio 2011
Mostra tutto

Zac conquista il Sol Levante

Alberto Zaccheroni, l’italiano ‘atipico’ che piace. I telecronisti s’erano lanciati in commenti di totale apprezzamento per la freddezza mostrata quando i suoi Blue Samurai si giocavano ai rigori contro la Corea del Sud il passaggio alla finale di Coppa d’Asia, che disputeranno sabato prossimo contro l’Australia: mai, pero’, si sarebbero aspettati di trovare nel tecnico romagnolo un ct piu’ distaccato del suo predecessore, ‘la sfinge’ Takeshi Okada, contenuto nelle emozioni anche a vittoria assicurata. “Ha seguito con calma la battaglia di 120+10 minuti”, ha riferito oggi il Nikkan Sports, principale quotidiano sportivo nipponico.

Alberto Zaccheroni, l’italiano ‘atipico’ che piace. I telecronisti s’erano lanciati in commenti di totale apprezzamento per la freddezza mostrata quando i suoi Blue Samurai si giocavano ai rigori contro la Corea del Sud il passaggio alla finale di Coppa d’Asia, che disputeranno sabato prossimo contro l’Australia: mai, pero’, si sarebbero aspettati di trovare nel tecnico romagnolo un ct piu’ distaccato del suo predecessore, ‘la sfinge’ Takeshi Okada, contenuto nelle emozioni anche a vittoria assicurata. “Ha seguito con calma la battaglia di 120+10 minuti”, ha riferito oggi il Nikkan Sports, principale quotidiano sportivo nipponico. “Zaccheroni osservava la serie dagli 11 metri nell’angolo sinistro dell’area tecnica della panchina: era l’unico della squadra a essere calmo – sottolinea il giornale -. Quando Okazaki ha segnato il secondo gol, i giocatori e lo staff hanno fatto esplodere la loro felicita’, superando la linea di demarcazione. Ma Zaccheroni era l’unico a dire “non andate fuori dall’area’, invitando subito tutti a tornare indietro”. . Niente male agli occhi dei tifosi giapponesi, consapevoli che i Blue Samurai inseguivano l’attesa vittoria contro gli arcirivali sudcoreani da quasi sei anni e che Giappone-Corea del Sud poteva valere come la classicissima Italia-Germania. ‘Zac-Japan’ e’ il 25/o allenatore della Nazionale e anche il primo italiano a sedere sulla panchina nipponica. Il miglior riconoscimento glielo ha tributato di recente Junji Ogura, il potente presidente della Federazione, la Jfa: “E’ una persona seria su ogni cosa. Tutte le persone e l’intero staff della Federazione – ha scritto ZakZak, il sito online riconducibile al gruppo editoriale Sankei e che non ha nulla a che vedere con l’ ex allenatore di Milan e Juve – dicono che non rappresenta l’ immagine tipica dell’italiano divertente e allegro”. “Una persona seria”, secondo lo stesso sito, che ha rifiutato numerose e ricche offerte pubblicitarie, comprese quelle provenienti da societa’ italiane. dicendo che la Japan Football Association “ha fatto gia’ abbondantemente per lui”. Il suo cibo preferito e’ il sushi, ma puo’ anche mangiare sashimi, ed e’ colpito – ha aggiunto ZakZak – “da quanto i giocatori giapponesi siano capaci di lavorare duramente”. “Dobbiamo rispondere alla fiducia di Zac”, ha detto il portiere, Eiji Kawashima; mentre per la star del Cska Mosca, Keisuke Honda, il ct “mi da’ fiducia, per cui posso avere fiducia in me stesso”. L’ultimo ostacolo per la conquista della Coppa d’Asia e’ forse quello piu’ difficile, l’Australia dei giocatori dal fisico di rugbisti. Ma Zac l’ha gia’ messo in chiaro ai suoi giocatori: “Godiamoci questa finale, ce la giocheremo fino in fondo”.

Lucio Lucianelli

Comments are closed.