Una barca finita sul tetto di una casa(Ansa)
Giappone, nuova scossa, no rischio tsunami. Fukushima, ancora un’esplosione e incendio
15 Marzo 2011
Cisl a confronto sullo sviluppo
15 Marzo 2011
Mostra tutto

La Tirreno è di Evans, crono a Cancellara

Si e’ chiusa sullo sdrucciolevole lungomare di San Benedetto del Tronto - reso viscido dalla pioggia notturna - la quarantaseiesima edizione della Tirreno Adriatico chiusa - per la prima volta dopo 19 anni - dalla tappa a cronometro di 9,3 chilometri quasi tutti in piano: l’australiano Cadel Evans ha vinto la corsa dei due mari, mentre il trionfatore della crono e’ stato lo svizzero Fabian Cancellara.

Si e’ chiusa sullo sdrucciolevole lungomare di San Benedetto del Tronto – reso viscido dalla pioggia notturna – la quarantaseiesima edizione della Tirreno Adriatico chiusa – per la prima volta dopo 19 anni – dalla tappa a cronometro di 9,3 chilometri quasi tutti in piano: l’australiano Cadel Evans ha vinto la corsa dei due mari, mentre il trionfatore della crono e’ stato lo svizzero Fabian Cancellara.

E’ dunque Evans (campione del mondo nel 2009), il re della Tirreno Adriatico 2011: l’australiano e’ sul gradino piu’ alto del podio davanti a Robert Gesink e Michele Scarponi. Segue Ivan Basso a 43” di distacco. Per la crono, Cancellara al top. Dietro di lui Boom, Malori e Flens. Vincenzo Nibali, quinto in classifica generale, e’ arrivato a 40” da Cancellara. Strepitosa rimonta di Gesink che – dal quarto posto della partenza – recupera fino alla seconda posizione della classifica generale a 27” dal vincitore di tappa. Evans si dice sorpreso dopo l’affermazione. Un mood apparentemente immotivato visto che la vittoria finale e’ stata ipotecata conquistando la leadership in classifica provvisoria nella quinta tappa e vincendo la sesta, arrivo a Macerata. Il pathos non e’ mancato nonostante il pronostico sia stato rispettato. Evans – nella prima meta’ della crono di oggi – ha vacillato un pochino perdendo secondi importanti. Ma l’australiano ha ripreso in mano la situazione e, alla fine, e’ riuscito a imporsi. “Sono sorpreso – dice dopo la gara – ma ho tenuto bene nella fase finale della crono. E’ stata una gran bella sorpresa. Mi sono impegnato tanto e avevo davvero voglia di fare bene”. Per Evans prossimo grande obiettivo il Tour de France dove per due volte e’ arrivato secondo. “Ha vinto il corridore piu’ forte”. Un pizzico di amarezza ma niente di piu’ per Ivan Basso sceso dal podio della quarantaseiesima Tirreno-Adriatico vinta dall’australiano Cadel Evans. “E’ stata bella – dice il ciclista a caldo – ma non ottima per me perche’ non ho vinto. Il risultato e’ comunque giusto perche’ la gara se l’e’ aggiudicata il corridore piu’ forte. Sono tuttavia soddisfatto perche’ la gara e’ stata molto impegnativa e Cadel Evans e’ un grande campione”.

Caterina Giorgio

Comments are closed.