La storia di un amore finito
22 Gennaio 2011
Premio Emily Dickinson, vince “I misteri di Piedigrotta”
24 Gennaio 2011
Mostra tutto

Bari-Napoli: precedenti, statistiche e anteprima

Classica sfida da non sottovalutare, quella di oggi per gli azzurri di Walter Mazzarri. Contro il Bari, ultimo in classifica, in un San Nicola sempre insidioso, il Napoli deve mantenere i nervi saldi e puntare ad una vittoria accessibile ma in una partita che può nascondere molte insidie.

Classica sfida da non sottovalutare, quella di oggi per gli azzurri di Walter Mazzarri. Contro il Bari, ultimo in classifica, in un San Nicola sempre insidioso, il Napoli deve mantenere i nervi saldi e puntare ad una vittoria accessibile ma in una partita che può nascondere molte insidie.

Precedenti – I precedenti tra le due squadre al San Nicola sono 34, prendendo in considerazione serie A, serie B e la coppa Italia. I pugliesi hanno vinto 11 di queste gare, 13 sono stati i pareggi e 10 le vittorie degli azzurri. Il Bari ha vinto l’ultima volta nel 1998 per 2-0, quel giorno andarono in goal Sala e Marcolini. L’ultimo pareggio risale al 1995, per 1-1 con i goal di Igor Protti, allora non ancora approdato al Napoli, e di André Cruz. L’ultimo scontro invece in ordine cronologico coincide con l’ultima vittoria del Napoli, che si impose al San Nicola per 2-1 con goal di Lavezzi (doppietta) e Almiron.

Goal – Nelle 34 sfide il Napoli ha una media goal di poco superiore ad una rete per partita. Infatti il Napoli ha segnato 35 reti. Il Bari invece ha la media inversa, ovvero di poco inferiore al goal a partita, 33 segnature in 34 gare.

Dichiarazioni – Partiamo dal tecnico azzurro, che pur essendo abituato a volare basso, assapora con gusto il sapore delle posizioni alte: “La gara contro il Bari è insidiosa, non dobbiamo perdere la concentrazione. Ma questo Napoli non soffre di vertigini”. Ventura invece ha parlato di uno dei suoi giocatori più rappresentativi, che per fortuna del Napoli non sarà di certo schierato nell’11 di partenza. Parliamo di Almiron, che in recupero da un guaio fisico, “si è allenato poco e se riuscirà a giocare un quarto d’ora sarà già un ottimo risultato”. Tra gli ex di turno, Beppe Materazzi, padre del campione del mondo Marco e vecchio allenatore del Bari ha dichiarato che “la partita è alla portata del Napoli, ma il Bari deve giocare come se fosse una finale, perché è davvero all’ultima spiaggia”.

Probabili formazioni 

Bari – (4-4-2): Gillet; A. Masiello, Belmonte, Glik, Parisi; Alvarez, Pulzetti, Gazzi, Romero; Kutuzov, Rudolf. A disposizione: Padelli, Rossi, Raggi, Rinaldi, Crimi, Okaka, Castillo.

Napoli – (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano, Pazienza, Dossena; Hamsik, Lavezzi; Cavani. A disposizione: Iezzo, Santacroce, Cribari, Yebda, Zuniga, Sosa, Dumitru.  

Arbitra Mazzoleni di Bergamo con gli assistenti De Luca-Di Liberatore. Il IV uomo sarà Doveri.

 Gianmarco Delli Veneri

Comments are closed.