venerdì, Maggio 24, 2024
HomeAttualitàSport, Abodi: avanti con Agenzia vigilanza economica su società

Sport, Abodi: avanti con Agenzia vigilanza economica su società

Date:

Articoli correlati

Alunni stranieri, Valditara: “dal 2025 l’obbligo di accertare la conoscenza dell’italiano”

Valditara: “Norma non discrimina”. Lezioni e corsi di potenziamento Roma,...

Borrell: riconoscere lo Stato palestinese “non è regalo ad Hamas”

“Reazione Israele è trasformare decisione in attacco antisemita” Roma, 24...

“Ente terzo e autonomo. Non domani in Cdm ma in seduta successiva”

Roma, 5 mag. (askanews) – Il governo costituirà un’Agenzia per la vigilanza economica e finanziaria sulle società sportive professionistiche, “un ente terzo, pubblico e dotato di piena autonomia regolamentare, e quindi decisionale”. Lo conferma il ministro dello Sport, Andrea Abodi, in una nota.

“La proposta di costituire l’Agenzia per la vigilanza economica e finanziaria sulle società sportive professionistiche che sta mobilitando il mondo del sport – sottolinea – è quella di rendere esterni i controlli fino ad ora svolti soltanto in ambito interno, attraverso un ente terzo, pubblico e dotato di piena autonomia regolamentare, e quindi decisionale. Il testo che è stato divulgato alla stampa senza autorizzazione e non dagli uffici del mio dicastero, è una bozza, il che vuol dire che prima di arrivare in Consiglio dei ministri potrà subire delle migliorie senza essere stravolto nella sostanza”.

Abodi ricorda che “l’inserimento del comma 10-bis nell’ambito del correttivo che abbiamo portato in Consiglio dei Ministri la scorsa estate conteneva una norma sui controlli finanziari sulle società professionistiche. Il tema è quindi oggettivamente nell’agenda da circa un anno e quindi è del tutto evidente e prevedibile che sarebbe arrivata una proposta. Venerdì scorso ho inviato il testo, come concordato, al Presidente Gravina in virtù della correttezza e della trasparenza che da sempre caratterizzano la mia persona e il mio operato”.

“La proposta di norma a oggi non è all’ordine del giorno del Consiglio dei ministri e non sarà discussa nella seduta di domani, ma probabilmente in quella successiva. La federazione, quindi, avrà il tempo necessario per poterla studiare, approfondire e per avanzare eventuali proposte”, conclude.

Ultimi pubblicati