giovedì, Febbraio 22, 2024
HomeAttualitàSpazio, in viaggio verso la Luna il primo lander di un privato

Spazio, in viaggio verso la Luna il primo lander di un privato

Date:

Articoli correlati

Attacchi israeliani anche a Rafah. OMS: “Gaza è una zona di morte”

In alcune aree la malnutrizione grave è arrivata al...

Nvidia,svolta su IA,ricavi trimestre +265% sorprendono Wall Street

+409% ricavi data center trainano risultati Roma, 21 feb. (askanews)...

Wall Street migliora sul finale dopo Fed, DJ +0,13%, Nasdaq -0,34%

Verbali Fomc: servono più certezze su inflazione prima di...

Lanciato Peregrine di Astrobotic, allunaggio previsto il 23 febbraio

Roma, 8 gen. (askanews) – Il lander Peregrine ha iniziato il suo viaggio verso la Luna. Lanciato oggi dalla base di Cape Canaveral in Florida a bordo del razzo Vulcan – costruito dall’azienda United Launch Alliance – il primo lander costruito da un’azienda privata, la Astrobotic, per arrivare sulla Luna trasporta 20 carichi utili da sette Paesi e 16 clienti commerciali, tra cui i primi payload lunari dalle agenzie spaziali messicana e tedesca. Uno dei payload, DHL MoonBox, – informa Astrobotic – contiene ricordi e messaggi di oltre 100.000 persone in tutto il mondo. Si tratta del primo lander statunitense lanciato con l’obiettivo di tornare sul suolo lunare a distanza di oltre 50 anni.

Peregrine è il primo lancio nell’ambito del Commercial Lunar Payload Services della Nasa; gli strumenti a bordo del lander aiuteranno l’agenzia spaziale statunitense a prepararsi per le missioni del programma Artemis per consentire la presenza umana prolungata sulla Luna. Una volta sulla Luna, gli strumenti della Nasa studieranno l’esosfera lunare, le proprietà termiche della regolite lunare, l’abbondanza di idrogeno nel suolo del sito di atterraggio e condurranno il monitoraggio delle radiazioni ambientali.

I cinque carichi utili per la scienza e la ricerca della Nasa a bordo del lander aiuteranno l’agenzia a comprendere meglio i processi e l’evoluzione planetaria, a cercare prove dell’acqua e di altre risorse e a supportare l’esplorazione umana sostenibile a lungo termine. Dopo l’allunaggio previsto il 23 febbraio – prosegue la Nasa – Peregrine trascorrerà circa 10 giorni raccogliendo preziosi dati scientifici, studiando il vicino più vicino alla Terra e contribuendo a spianare la strada alla prima donna e prima persona di colore ad esplorare la Luna nell’ambito del programma Artemis.

“Oggi Peregrine Mission One ha raggiunto una serie di grandi traguardi – ha affermato John Thornton, Ceo di Astrobotic – Peregrine si è acceso, ha acquisito un segnale con la Terra e ora si sta muovendo attraverso lo spazio in viaggio verso la Luna. Questi successi ci portano un passo avanti verso lo sbarco di sette nazioni sulla Luna, sei delle quali non sono mai state sulla Luna prima”.

Dopo Peregrine Mission One, Astrobotic prevede di continuare i suoi sforzi di esplorazione lunare con il lancio di Griffin Mission One alla fine del 2024. Griffin, il più grande lander lunare dai tempi del modulo lunare Apollo, trasporterà il Volatiles Investigating Polar Exploration Rover (VIPER) della Nasa al polo sud della Luna dove lo strumento cercherà la presenza di ghiaccio d’acqua nelle regioni permanentemente in ombra di Mons Mouton.

Ultimi pubblicati