7 Novembre 2007

Ue, sì all’Fse per la Campania

La Campania e' la prima in assoluto tra le regioni dell'Obiettivo convergenza e tra le prime regioni italiane, insieme all'Emilia-Romagna, ad aver ottenuto il via libera definitivo da Bruxelles per la gestione del Fondo Sociale Europeo (FSE). A dare l'ok la Commissione Europea. Il programma prevede risorse per 1,118 miliardi di euro, da spendere nel periodo 2007/2013.

4 Gennaio 2009

Iervolino: “La nuova giunta c’è”

E' andata bene. Il sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino, lascia Palazzo San Giacomo dopo l'incontro con i vertici locali del Pd e annuncia: «La giunta c'è». Per il primo cittadino l'incontro ha fatto registrare un «sostanziale passo avanti», e i nomi della nuova squadra di governo della città potrebbero essere resi noti già lunedì.
7 Gennaio 2009

La nuova giunta partenopea è completa, tra disguidi e polemiche

Domenica 4 gennaio 2009 il sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino, annuncia la creazione di una nuova giunta comunale in accordo con i vertici locali del Partito Democratico, dopo le recenti inchieste che avevano portato a procedimenti giudiziari a carico di numerosi assessori. L’incontro con il segretario cittadino del Pd, Luigi Nicolais, e con quello regionale, Tino Iannuzzi, ha spiegato la Iervolino, è stato «cordialissimo e costruttivo».

16 Febbraio 2009

Urne chiuse in Sardegna, via lo spoglio

Urne chiuse in Sardegna dove quasi un milione e mezzo di elettori sono stati chiamati, domenica e lunedì, a eleggere il nuovo presidente della Regione e a rinnovare il consiglio regionale. C'è attesa per l'esito di quello che si profila come un testa a testa (nonostante siano cinque i candidati alla presidenza) tra il governatore uscente Renato Soru (appoggiato dal centrosinistra) e Ugo Cappellacci, candidato del centrodestra.
17 Febbraio 2009

Il centrodestra conquista la sardegna

Il centrodestra strappa la Sardegna allo schieramento avversario e Ugo Cappellacci diventa il nuovo governatore, scalzando Renato Soru che nel 2004 vinse con il 50,13%. Il dato pressoché definito arriva intorno alle 6 e mezza del mattino, 15 ore dopo la chiusura dei seggi. E quando le sezioni scrutinate sono 1658 su 1812, Cappellacci è al 51,90% dei consensi, mentre il presidente uscente si ferma al 42,89%, con un distacco di 9 punti che pesa come un ko. Irrompe un inedito «partito», quello dell schede nulle che diventano la terza forza della Sardegna: sono quasi 15.000, a cui si aggiungono le schede annullate volontariamente dall'elettore (circa 3300) e quelle bianche (più di 5000).