venerdì, Maggio 24, 2024
HomeAttualitàSindacati: preoccupazione per dipendenti Italian wine brands

Sindacati: preoccupazione per dipendenti Italian wine brands

Date:

Articoli correlati

Orlando: “Liguria paralizzata dopo arresto Toti, la destra dica cosa vuole fare”

BOLOGNA – “A oltre due settimane dall’arresto di Toti,...

Giappone, ad aprile l’inflazione è scesa al 2,2 per cento

A marzo era al 2,6% Roma, 24 mag. (askanews) –...

Decaro (Anci): anche i Comuni a Giornata mondiale bambini

Indetta da Papa Francesco per sabato 25 e domenica...

Per trasferimenti e procedure licenziamento collettivo

Roma, 24 apr. (askanews) – “Forte disappunto” l’avvio del trasferimento delle produzioni e il conseguente trasferimento collettivo dei lavoratori di IWB Italia (Italian Wine Brands) dalla sede di Diano D’Alba (Cuneo) a quella di Calmasino di Bardolino (Verona), e per l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo degli addetti alle attività di teleselling di Giordano Vini. E’ quanto scrivono le segreterie nazionali di FAI, FLAI e UILA in una nota congiunta spiegano che le procedure vedono coinvolte complessivamente 44 persone, “che si ritroveranno senza occupazione, visto che il trasferimento da Cuneo a Verona sarà difficilmente realizzabile; in aggiunta alle conseguenze negative per i lavoratori e le lavoratrici ancora in forza a Giordano Vini nonché per tutto l’indotto”.

Solo pochi mesi fa la procedura di acquisizione totale o parziale di diverse realtà vinicole presenti su tutto il territorio nazionale da parte di IWB Italia S.p.a. “si era chiusa con un mancato accordo dettato sia da una non trasparenza degli assetti occupazionali che si sarebbero delineati, sia da una totale assenza di volontà da parte della società di assumere impegni nei confronti della forza lavoro e di reticenza rispetto al piano industriale della nuova realtà”, ricordano i sindacati.

Nonostante nella fase di espletamento delle procedure, durate quasi due mesi, l’azienda non avesse mai manifestato criticità, già nei primi giorni dell’anno Fai, Flai e Uila avevano espresso sconcerto e preoccupazione “che si concretizzano oggi nel peggiore dei modi a pochi mesi di distanza con un impatto sociale gravissimo sul territorio di Cuneo”.

Le segreterie nazionali di FAI, FLAI e UILA, quindi, “valuteranno le più idonee azioni a tutela dei lavoratori e delle lavoratrici di IWB Italia S.p.a. e Giordano Vini”, conclude la nota.

Ultimi pubblicati