domenica, Marzo 3, 2024
HomeAttualitàScordamaglia: su imballaggi decida la prossima Commissione Ue

Scordamaglia: su imballaggi decida la prossima Commissione Ue

Date:

Articoli correlati

Meloni: ottimo rapporto con Mattarella, sinistra vuol creare crepa

“Lo usano per campagna contro premierato. Riconteggio Sardegna? Aspettiamo...

Mediolanum Padel Cup 2024, domani a Venezia si giocano le finali

In programma anche il Football Padel Show con le...

Riyadh Season P1, titolo a Lebron-Galan e Josemaria-Sanchez

Le due coppie numero 1 si aggiudicano il primo...

Preannunciato nuovo studio impatto al trilogo ma è inaccettabile

Roma, 8 feb. (askanews) – “La regolamentazione sugli imballaggi è il peggior esempio di proposta ideologica, antiscientifica e strumentale, avanzata dalla Commissione europea, con la scusa della transizione verde”: così Luigi Scordamaglia, amministratore delegato di Filiera Italia nel corso dell’evento “The European Packaging regulation: benefit or damage for the fruit or vegetable supply chain”, che si è tenuto alla fiera Fruit Logistica di Berlino.

“Negli scorsi mesi abbiamo più volte spiegato le nostre ragioni, – ha avvertito Scordamaglia – ma dopo mesi e mesi di di assenza di studi di impatto è stata annunciata durante la prima riunione del trilogo dal Commissario Sinkevicius, l’imminente presentazione di uno studio. Tutto ciò, alla fine del processo legislativo, rappresenta un pericoloso attacco alle prerogative delle altre istituzioni dell’Unione europea. È necessario più tempo per lavorare sui nuovi dati e ciò non è compatibile con i tempi stretti prima delle elezioni europee. Pertanto, i triloghi dovrebbero cessare e la questione dovrebbe essere deferita alla nuova Commissione”.

Per Scordamaglia a direttiva imballaggi è “un provvedimento deleterio che colpisce in primis il nostro Paese e le aziende italiane che hanno investito in un percorso di sostenibilità che negli ultimi anni ha portato l’Italia a diventare un punto di riferimento mondiale nel materiale innovativo riciclabile e a raggiungere obiettivi in termini di riciclo più elevati rispetto alla stragrande maggioranza degli altri Paesi Ue”, ha detto ancora Scordamaglia, sottolineando che il tasso di riciclo complessivo degli imballaggi in Italia era del 73,3% nel 2021, superando così l’obiettivo del 70% fissato per il 2030 e posizionando il nostro Paese al secondo posto in Europa per riciclo di imballaggi pro capite.

Ultimi pubblicati