martedì, Marzo 5, 2024
HomeAttualitàScontri, saccheggi e violenza: l'Ecuador è nel caos. Il presidente Noboa: stato...

Scontri, saccheggi e violenza: l’Ecuador è nel caos. Il presidente Noboa: stato di emergenza

Date:

Articoli correlati

Ue, cosa prevede l’accordo in trilogo sul regolamento imballaggi

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti plastica monouso Bruxelles,...

Calcio, Sarri: “Niente è impossibile, serve coraggio”

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar....

Regolamento sugli imballaggi, c’è l’accordo tra le istituzioni Ue

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles,...

Arrestati uomini armati che hanno fatto irruzione in una tv. Le violenze dopo l’evasione boss del narcotraffico

Roma, 10 gen. (askanews) – L’Ecuador è nel caos: scontri, saccheggi, auto date alle fiamme, agenti di polizia presi in ostaggio in diverse località, e l’irruzione di uomini armati nello studio di un canale televisivo pubblico a Guayaquil. Un’ondata di violenza scoppiata dopo l’evasione dal carcere di massima sicurezza di Guayaquil del boss del narcotraffico Adolfo Macias, il nemico pubblico n. 1, leader dei “Choneros”, una banda che ha monopolizzato il fiorente traffico di droga in Ecuador. Il presidente dell’Ecuador Daniel Noboa ha emesso un decreto in cui si dichiara che il Paese è entrato un “conflitto armato interno”. Noboa ha annunciato che dichiarerà lo stato di emergenza nazionale.

Intanto, gli uomini che, con il volto coperto, hanno fatto irruzione nello studio di un canale televisivo pubblico in Ecuador con armi ed esplosivi, sono stati arrestati. Lo ha annunciato il capo della polizia, Cesar Zapata, che ha parlato di 13 persone arrestate e di sequestro di armi, esplosivi e altre prove. Gli ostaggi, giornalisti e tecnici, sono stati portati in salvo.

Il governo del Perù ha disposto l’invio immediato della Polizia al confine con l’Ecuador “per rafforzare la sicurezza alla frontiera” con il Paese vicino, attraversato da un’ondata di violenza e scontri. Il ministro della Difesa peruviano e quello degli Interni viaggeranno lungo il confine per coordinare le operazioni.

Ultimi pubblicati