venerdì, Giugno 21, 2024
HomePoliticaProfumo-gate, “Fassino recidivo”? Il deputato dem: “Non sto bene”. Ma c’è una...

Profumo-gate, “Fassino recidivo”? Il deputato dem: “Non sto bene”. Ma c’è una via d’uscita

Date:

Articoli correlati

Calcio, la Spagna domina ma vince 1-0 con autogol di Calafiori

Iberici agli ottavi, lunedì contro la Croazia Roma, 20 giu....

Golf, Manassero guida con Korhone l’open d’Olanda ad Amsterdam

L’italiano con 7, il finlandese autore di una hole...

Design, A.Fontana: pilastro di economia e identità lombarda

Così a consegna dei premi ‘Compasso d’Oro ADI 2024’ Milano,...

ROMA – La voce si rincorre da giorni, da quando Il Fatto Quotidiano ha portato alla luce la denuncia del duty free dell’aeroporto di Fiumicino per presunto furto di un profumo. “Secondo ambienti del lavoro aeroportuale – scrive il quotidiano online Open – Piero Fassino è recidivo. Per questo è stato denunciato. E per questo i vigilantes lo stavano tendendo d’occhio. E per questo gli agenti della Polaria hanno deciso di ascoltare altri dipendenti dell’esercizio commerciale, non in servizio lunedì 15 aprile”. Quel giorno, nella tasca del deputato del Partito Democratico, i vigilantes gli trovarono un profumo, Chance di Chanel, in vendita nell’esercizio commerciale. La scena sarebbe stata ripresa dalle telecamere di videosorveglianza che, scrive sempre Open, “lo smentiscono: nelle immagini lo si vede mettersi in tasca il profumo senza avere il telefono tra le mani, come da lui sostenuto. E lo si vede anche uscire dall’esercizio commerciale prima dell’intervento dei vigilantes, anche se lui ha detto che sono intervenuti quando era ancora in loco”.

LA SUA VERSIONE: “TUTTO FRUTTO DI UN MALINTESO, NON STO BENE”

“Non sto bene, non vivo bene questa vicenda, che mi suscita disagio e molto malessere – ha commentato l’esponente dem a Rtl – . È tutto frutto di un equivoco, di un malinteso che spero si chiarisca. Io sono andato all’aeroporto di Fiumicino, sono passato al duty free, ho preso dagli scaffali un profumo per mia moglie, ma avendo le mani impegnate da trolley e telefono l’ho messo nella tasca del giaccone che indossavo. Questo gesto, fatto ingenuamente, in realtà è stato visto da un addetto alla sicurezza, che mi ha fermato chiedendomene conto, ho cercato di spiegare, ma non ha ritenuto che la mia spiegazione fosse esauriente, ha chiamato un agente di polizia, registrando il fatto. È un episodio che mi mette profondamente a disagio. In vita mia non ho mai rubato nulla. In cinquant’anni di attività politica non ho mai compiuto gesti simili. Spero che questa cosa possa chiarirsi”.

CORSERA: “L’INCHIESTA POTREBBE FERMARSI SUBITO”

L’inchiesta è nelle mani della Procura di Civitavecchia, consapevole che per procedere con ulteriori accertamenti come perquisizione personale e domiciliare- come da Costituzione – deve chiedere l’autorizzazione alla Camera dei deputati. Fassino, in quanto rappresentante parlamentare, gode infatti dell’immunità. Una possibile exit strategy arriva tuttavia dall’ipotesi che il duty free ritiri la denuncia. Come scrive il Corriere della Sera, “la nuova norma (Cartabia) prevede che i magistrati procedano per querela ma, in seguito, è sempre possibile ritirarla. Oppure che propendano per la ‘tenuità del fatto‘”.

L’articolo Profumo-gate, “Fassino recidivo”? Il deputato dem: “Non sto bene”. Ma c’è una via d’uscita proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Ultimi pubblicati