Istinto e creatività: Francesco Jovane, fotoreporter
6 Marzo 2018
Al cinema la dipendenza da Internet: risate amare
11 Marzo 2018
Mostra tutto

Visitare un enorme campo fotovoltaico

 

Centrale Enel di Serre Persano

La visita al campo fotovoltaico di Serre Persano (solo dopo aver ricevuto apposita autorizzazione) è molto istruttiva ed anche altamente spettacolare da un punto di vista estetico perché, nell’ambiente naturale già di per sé splendido della piana del Sele, si inserisce lo sterminato campo di pannelli allineati verso il Sole. In più, è uno dei pochi campi fotovoltaici così grandi al mondo che può essere visitato, sebbene solo dopo specifica autorizzazione.
L’impianto ha una produzione media annua di 8,46 Gwh pari a 1970 tonnellate equivalenti petrolio (TEP): si evita così l’emissione in atmosfera di quasi 5300 tonnellate di CO2.
La produzione annuale è stata tale da soddisfare i bisogni di energia di 4.200 famiglie.
L’Enel lo ha realizzato nel 1993 quando l’energia dal Sole si affacciava appena sulla scena, ed era in grado di produrre 3,3 MW. Collegato alla rete nel 1994, è stato il primo impianto fotovoltaico di Enel in Italia. Nel 2011 è stato completamente rinnovato e raddoppiato nella potenza.
A cavallo degli anni Duemila, Serre Persano è stata la più grande centrale solare del mondo: attualmente si sviluppa su un’estensione di territorio pari a circa 5 ettari e mezzo, con una superficie di pannelli installati di 26.500 mq.
Il campo fotovoltaico (il complesso di tutti i pannelli produttivi) è suddiviso in 10 sottocampi: 9 di questi sono fissi, cioè i pannelli non si muovono, mentre il decimo è definito come “sottocampo a inseguimento solare”. I pannelli, infatti, variano automaticamente la propria inclinazione in modo da trovarsi sempre nella posizione ottimale per raccogliere il massimo di luce dal Sole nell’arco della giornata.
Un interessante filmato esplicativo introdurrà la visita, durante la quale i tecnici accompagnatori illustreranno anche i dati tecnici, i principi di funzionamento e le modalità di gestione operativa. Poi si potrà camminare nei percorsi predefiniti –( osservano scrupolosamente le istruzioni che si ricevono dai tecnici )- che passano proprio in mezzo a questi enormi pannelli poggiati sul terreno, alti alcuni metri e lunghi decine, che si allungano sui campi fin quasi a perdita d’occhio.

Nel 2013 sono stati realizzati altri due nuovi impianti adiacenti a quello di Serre Persano: si tratta dei due campi fotovoltaici di Borgo San Lazzaro e Spineto.

Elena Regina Brandstetter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *