Catalano: “Con una piattaforma digitale i commercialisti danno un nuovo impulso alla sburocratizzazione”
14 maggio 2018
Un’estate all’insegna del “vacchismo”
15 maggio 2018
Mostra tutto

Da Caserta agli Emirati Arabi Uniti per l’internazionalizzazione delle startup

 

Accordo tra 012factory e The Corporate Group

 

CASERTA – Un accordo per portare l’innovazione made in Campania negli Emirati Arabi Uniti. Oggi a Caserta, nella sede dell’Hub 012factory, eccellenza italiana nella scena dell’educazione all’imprenditoria innovativa, si è firmato un protocollo tra la realtà casertana e The Corporate Group, holding specializzata nella consulenza e servizi aziendali  che figura tra le prime 25 Pmi di Dubai ed è uno dei 7 incubatori individuati dal Governo locale per puntare sull’universo startup.

E, infatti, la giornata di oggi è iniziata proprio dalla presentazione di alcune realtà incubate all’interno di 012factory a cui ha fatto seguito la firma di un vero e proprio accordo di collaborazione tra le due realtà.

Protocollo firmato da Sebastian Caputo, Ceo di 012factory e da Adel Alawadhi, Executive Chairman di The Corporate Group alla presenza di Adnan Al Awadhi, Non Executive Director di The Corporate Group e Francesco Corbello, consigliere segretario dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord e strategic partner dell’Agenzia di attrazione investimenti esteri del Governo di Dubai.

“Il protocollo d’intesa firmato oggi – Sebastian Caputo, Ceo 012factory – rappresenta l’inizio di una nuova avventura. L’idea è quella di portare le imprese innovative targate 012factory sui mercati degli Emirati Arabi Uniti, a partire da Dubai, crocevia dell’economia che sta puntando sempre più sull’innovazione a partire dall’industria 4.0. Considerate che da qui al 2030 sono previsti tra Dubai e Abu Dhabi investimenti nientemeno che per 81miliardi di dollari, (72miliardi di euro) sull’industria della conoscenza”.

“Un’opportunità per le startup incubate all’interno di 012factory che ben si inserisce quindi anche nelle politiche economiche dell’Emirato – racconta Corbello -, naturalmente nel mio lavoro  prediligo il nostro territorio e le eccellenze come quella di 012factory. Questa partnership vuole creare un doppio binario per portare le nostre imprese innovative negli Emirati Arabi Uniti dove il governo si è recentemente lanciato nello sviluppo dell’Industry 4.0. Ma non solo. Va considerato che siamo in un momento storico fondamentale nel quale l’economia di Dubai si trasforma: da quella legata al mercato del petrolio a industriale. Momento che vedrà così in prima linea queste realtà campane che di contro dovranno esser pronte a mettersi in gioco”.

Mettersi in gioco su un mercato sempre più globale di cui Dubai è effettivamente il punto di partenza per conquistare i mercati del Medioriente e dell’Asia. Un dato tra tutti. Nell’ultimo anno gli Emirati sono passati dalla 47esima alla 41esima posizione della Global Innovation Index.

“Siamo qui per dare il via a una collaborazione – sottolinea Adel Alawadhi – che permetta alle realtà innovative locali di esplorare i mercati esteri in maniera proficua e costruttiva. Ecco siamo dei facilitatori in grado di fornire assistenza e servizi. In definitiva gli Emirati Arabi sono alla ricerca di idee e tecnologie innovative. Ciò che ci ha colpito da 012factory è la grande varietà di realtà innovative: da quelle del settore sanitario a quelle per il monitoraggio delle infrastrutture fino a startup nel mondo del design. Tutte realtà che grazie a questo protocollo potranno espandere i loro orizzonti affacciandosi sul mercato globale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *