venerdì, Maggio 24, 2024
HomeAutoprodottiNascono i patti territoriali dell’alta formazione delle imprese

Nascono i patti territoriali dell’alta formazione delle imprese

Date:

Articoli correlati

Maiorca, crolla terrazza di cocktail bar:almeno 4 morti e 27 feriti

Ma si teme che molti altri siano rimasti intrappolati...

M.O., direttore Cia tenta rilancio negoziati su cessate il fuoco a Gaza

Lo scrive il New York Times. Prossimi colloqui in...

Wwf, in Sicilia primo nido di tartaruga marina del 2024 in italia

23 maggio, Giornata mondiale delle Tartarughe Roma, 23 mag. (askanews)...

Con il decreto n. 50 del 17 maggio 2022, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, recante “Disposizioni urgenti in materia di politica energetica nazionale, di produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, di politiche sociali e per la crisi Ucraina”, sono stati istituiti i “Patti territoriali dell’alta formazione delle imprese”

Questa misura mira a promuovere l’interdisciplinarietà dei corsi di studio, a facilitare la formazione di profili professionali innovativi e altamente specializzati in grado di rispondere alle esigenze del mondo del lavoro e della filiera produttiva del Paese, a migliorare e ampliare l’offerta formativa delle università attraverso l’integrazione con le relative attività di ricerca, sviluppo e innovazione. Per garantire il cofinanziamento nazionale di queste iniziative sono stati stanziati 290 milioni di euro, di cui 20 milioni di euro nel 2022 e 90 milioni di euro per ciascun anno dal 2023 al 2025 con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Lo scopo principale del regolamento è quello di consentire alle università di costruire sinergie e aggregazioni e, in modo pertinente, di stipulare accordi con imprese, enti pubblici o privati di ricerca, amministrazioni pubbliche e aziende pubbliche in ambiti e settori in cui la presenza di manodopera qualificata è insufficiente rispetto alla relativa domanda, in particolare nei settori STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica), al fine di incentivare la realizzazione di progetti specifici per lo sviluppo di nuove competenze professionali integrate con le discipline umanistiche e sociali.

I progetti possono anche prevedere iniziative per sostenere la transizione e la formazione continua dei laureati nella società e facilitare il trasferimento tecnologico, in particolare alle PMI. Possono presentare i progetti le università con sede in regioni in cui parametri come il numero di laureati rispetto alla popolazione residente nella Regione oggetto del Patto, il tasso di occupazione a tre anni dalla laurea e il numero totale di laureati residenti fuori dall’area di residenza sul totale dei laureati residenti nella Regione oggetto del Patto sono inferiori alla media nazionale.

“Questo accordo è un nuovo strumento che accompagna la politica che stiamo attuando per favorire una programmazione della formazione più in linea con le esigenze regionali e che punta allo sviluppo di una classe dirigente orientata all’integrazione tra impresa e amministrazione”, ha commentato il Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa. “I Patti Territoriali mirano a promuovere il più possibile un dialogo tra le università e il loro contesto regionale, con l’obiettivo di arginare il fenomeno dell’asimmetria tra le diverse regioni italiane nel sistema di istruzione superiore e la conseguente mobilità per studio e lavoro”.

In base a questa misura, i vari progetti proposti e definiti dalle università capofila sono sottoposti a un comitato di cinque membri, due dei quali sono nominati dal Ministro dell’Università e della Ricerca e gli altri e gli altri tre indicati uno ciascuno rispettivamente dal Presidente Consiglio dei Ministri, dal Ministro dell’Economia e delle Finanze e dal Ministro dello Sviluppo Economico.

Lucio Giacomardo

Ultimi pubblicati