domenica, Marzo 3, 2024
HomeAttualitàIl Generale italiano Miglietta alla guida della NATO Response Force

Il Generale italiano Miglietta alla guida della NATO Response Force

Date:

Articoli correlati

Dopo la pandemia un terzo degli italiani trascorre molto più tempo in casa

Ricerca Olimpia Splendid: per 4 su 10 comfort dipende...

Sardegna, Todde: “Nessun riconteggio, abbiamo almeno 1400 voti in più”

ROMA – Nessun riconteggio in Sardegna, la vittoria...

Dal 25 maggio The Witches Seed di Stewart Copeland con Irene Grandi

L’opera rock all’Alfieri di Asti, poi al Teatro Arcimboldi...

L’ufficiale è al comando dell’Allied Joint Force Command Brunssum

Brunssum, 7 feb. (askanews) – Il Comandante dell’Allied Joint Force Command (JFC) Brunssum, Generale di Corpo d’Armata dell’Esercito Italiano Guglielmo Luigi Miglietta ha assunto il Comando della NATO Response Force (NRF) 2024, la forza multinazionale ad alta prontezza, costituita da unità aeree, terrestri, marittime e forze speciali, addestrate a condurre operazioni ad alto rischio, con l’obiettivo di rispondere rapidamente a qualsiasi tipo di crisi.

Per l’occasione, il Gen. Miglietta si è collegato in videoconferenza con i Comandanti delle forze multinazionali che compongono la forza NATO di risposta alle crisi per l’anno 2024.

Il Comando e il Controllo sulle forze assegnate per costituire la NRF, a rotazione tra i paesi Alleati, viene esercitato ad anni alterni tra i Comandi operativi NATO di Brunssum e Napoli.

Parlando ai Comandanti delle forze designate per costituire la NRF 2024, il Generale Miglietta ha sottolineato l’importanza di mantenere alti gli standard di prontezza operativa “per contrastare con immediatezza qualsiasi aggressione con un rapido dispiegamento delle forze e la tempestiva istituzione di una presenza militare della NATO a sostegno di eventuali operazioni di risposta alle crisi o in applicazione dell’articolo 5 del Trattato del Nord Atlantico”.

Riferendosi poi alle principali minacce attuali, il Comandante di JFC Brunssum ha condiviso le sue valutazioni sulla deterrenza con i Comandanti collegati affermando che “il messaggio più importante da veicolare con fermezza, è quello che qualsiasi atto aggressivo sarà contrastato” ed evidenziando, allo stesso tempo, che la natura difensiva delle forze non deve rappresentare in alcun caso una provocazione, in quanto la natura della deterrenza va oltre l’applicazione della forza militare basandosi sulla percezione della stessa “nella mente dei possibili avversari”.

Il Generale ha poi rimarcato che “il notevole lavoro di pianificazione nell’ambito della elaborazione dei Piani Regionali consente a tutte le nazioni Alleate di operare a stretto contatto, sostenendo la coesione dell’Alleanza che è sempre stata e rimarrà uno dei principali valori su cui si fonda la NATO”.

Nei suoi quasi 75 anni di storia, la NATO ha operato e continua a operare molteplici adattamenti al contesto di sicurezza e la NRF costituise una dimostrazione di questa abilità a fronteggiare molteplici situazioni, incluso il soccorso in caso di calamità.

La caratteristica principale della NRF è rappresentata dalla capacità di condurre la mobilitazione e lo schieramento in tempi molto brevi di forze ad elevato livello di prontezza operativa, attivabili con un criterio di progressività. Nell’ambito della NRF vi è infatti una componente, la Very High Readiness Joint Task Force (VJTF), le cui unità sono in grado di schierarsi in due giorni con l’obiettivo di assumere il controllo iniziale di un’operazione e di facilitare l’arrivo delle altre forze in un massimo di 7 giorni, qualora la situazione operativa lo richiedesse.

La capacità di reazione rapida della NRF sarà l’obiettivo dell’esercitazione Brilliant Jump 2024 che avrà luogo dal 12 al 28 febbraio in Polonia e che vedrà schierarsi le diverse unità provenienti dai paesi Alleati per amalgamarsi ed operare congiuntamente.

Brilliant Jump 2024 è inquadrata nell’ambito di Steadfast Defender 2024, la principale esercitazione multidominio della NATO condotta nel corso del 2024 che si sviluppa attraverso una serie di esercitazioni nazionali e multinazionali, su larga scala, condotte in diverse località delle nazioni Alleate, in un arco temporale di circa 4 mesi.

Ultimi pubblicati