Caro carburante, quali sono i fattori che ne determinano il prezzo
12 Marzo 2022
Drive to Survive 4, la nuova stagione a tutto gas su Netflix
19 Marzo 2022
Mostra tutto

Al Museo del Saxofono i concerti della primavera 2022

Riprendono con la primavera, al Museo del Saxofono, i concerti settimanali della stagione 2022. Una grande e doppia opportunità, per chi non conosce ancora questo giovane spazio espositivo, che oltre a proporre musica di grande qualità con interpreti di assoluto spessore, offre la possibilità di ammirare da vicino la collezione di saxofoni più grande del mondo. A tale proposito, sabato 9 aprile alle ore 18, verrà presentato in anteprima il catalogo ufficiale del Museo, realizzato con il contributo della Regione Lazio: frutto del grande lavoro di acquisizione, studio e di ricerca svolto da Attilio Berni sugli strumenti delle Collezioni del museo. L’opera si è avvalsa del contributo di prestigiosi esperti internazionali del settore; un volume prestigioso di grande formato che include numerose immagini di qualità, approfondimenti e notazioni tecnico-descrittive delle varie metamorfosi dello strumento che si intrecciano con le storie personali degli inventori e dei musicisti che lo hanno imbracciato.

In relazione alla stagione musicale primaverile 2022, si inizierà sabato 26 marzo con i Big Night Players, orchestra che celebra la cultura italo-americana proponendo l’energia assoluta dello swing mescolata alla musicalità frenetica e ritmica degli anni ’50-’60. La formazione è composta da Francesco Sofia (voce), Andrea Pedroni (sax tenore), Carlo Capobianchi (tromba), Walter Fantozzi (trombone), Paolo Bernardi (pianoforte), Giordano Panizza (contrabbasso), Marco Della Torre (batteria).

Domenica 3 aprile, per celebrare il grande repertorio del Gospel, musica nata per dare energia al corpo e speranza all’anima, sarà di scena Gospel Energy, con Dimitri Espinoza Grechi al sax tenore e Paolo “Pee Wee” Durante all’organo Hammond.

Sabato 9 aprile, presentazione di Saxophones, catalogo del Museo del Saxofono con, a seguire, il concerto del Classic Jazz Quintet costituito da Attilio Berni (saxofoni), Maurizio Oriente (tromba), Alessandro Crispolti (pianoforte), Christian Antinozzi (contrabaso) e Alfredo Romeo (batteria).

Sabato 23 aprile saranno protagonisti i musicisti del Big Block City, titolo dell’ultimo lavoro di Angelo Trane & Andrea Rongioletti, totalmente composto e realizzato durante il periodo del “lockdown”. Il repertorio, che abbraccia sonorità jazz/smooth con melodie mediterranee spesso influenzate da sonorità afroamericane, sarà eseguito insieme a Letizia Liberati, voce solista.

Sabato 7 maggio la Ciribiribin Italian Swing Orchestra composta da Coky Ricciolino (voce), Andrea Tardioli (Clarinetto e Sax), Dario Pierini (Piano), Flavia Ostini (Contrabbasso), Antonio Donatone (Batteria) proporrà il concerto Do You speak Italiano, un viaggio tra melodie indimenticabili, dedicato ad artisti come Alberto Rabagliati, Bruno Martino, Natalino Otto, Fred Buscaglione, il Trio Lescano e molti altri.

A chiudere la rassegna primaverile, sabato 21 maggio, il quartetto capitanato da Susanna Stivali con un progetto interamente dedicato all’enorme e diversificato lavoro del poeta, scrittore, autore e compositore Chico Buarque de Hollanda. La cantante, considerata una delle piu interessanti voci del panorama jazz italiano ed internazionale, si esibirà in Caro Chico accompagnata da Alessandro Gwis (pianoforte), Marco Siniscalco (basso elettrico e contrabasso) e Marco Rovinelli (batteria).

Aurelio Nigro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *