Melito, Sodano (demA): omertà non frenerà il cambiamento
10 Giugno 2017
L’antica Neapolis in Piazza Calenda
12 Giugno 2017
Mostra tutto

Real Bodies, la mostra sul corpo umano

Roma ospita una mostra evento originale e sorprendente. Real Bodies è un viaggio alla scoperta del corpo umano tra muscoli, ossa, organi, tessuti, affascinante per la presenza di oltre 350 tra corpi ed organi veri donati in seguito ad un decesso naturale e mai violento. Duemila metri quadri espositivi all’interno del District di via Guido Reni, per un totale di 11 padiglioni divisi in sezioni e comparti, ci introducono a scheletri, arterie, cuori, polmoni e complessi apparati.

Curato dal dottor Antonello Cirnelli e supervisionata da Alessandro Cecchi Paone, che ne è anche testimonial, l’evento aprì i battenti a Jesolo ed ha raggiunto città come Lisbona, Desdra, fino al grande successo di Milano con oltre 280.000 visitatori. Una mostra scientifica, frutto di un accurato lavoro di mesi di allestimento, esposizione e stesura di materiale didattico, che ha lo scopo di indurci a osservare questa macchina straordinaria quanto perfetta celata sotto la pelle, che è il nostro corpo.

Una miriade di cellule in continua trasformazione ed evoluzione, un meccanismo congegnato per farci muovere, pensare, respirare, riprodurre, crescere. Unici nel loro genere, i corpi di Real Bodies sono stati “cristallizzati” per essere esposti, ovvero hanno subito un processo di plastinazione che ha il fine di eliminare ogni residuo biologico all’interno delle cellule, per evitare che avvenga la decomposizione.

Disidratati e così presentati i corpi possono essere proposti ed osservati anche dai più sensibili ed impressionabili perché conservati da sembrare addirittura dei modellini costruiti ad arte in qualche laboratorio. Real Bodies è uno spunto per conoscere chi siamo e quali processi ci animano, perché (come è scritto a proposito della mostra) “non importa la razza, le credenze religiose, l’orientamento politico, la ricchezza o la povertà. Importa che tutti noi condividiamo la stessa cosa. Il nostro corpo”.

Marita Langella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *