Tra Google e dizionari, anno nuovo e parole nuove
3 Gennaio 2021
Befana Solidale, il Club 4X4 Adventure consegna doni ai bambini all’ospedale di Caserta
6 Gennaio 2021
Mostra tutto

Non può permettersi cibo e pagare le tasse, la voce di Giona: “i sogni non vanno ridimensionati”

NAPOLI – Licenziamenti, chiusura di attività e riduzione delle assunzioni. Il 2020, complice il coronavirus, ha evidenziato quanto l’Italia non sia la realtà delle possibilità. È da anni criticato il fenomeno della fuga di cervelli, con giovani che trovano sempre più porte chiuse nel bel Paese e portoni aperti all’estero.

È la storia di Giona, studente di 23 anni prossimo alla laurea al conservatorio San Pietro a majella di Napoli, con la passione per la musica e tanti sogni nel cassetto. Orfano di madre, Giona da anni lavora quotidianamente per vivere.

Il ragazzo, attraverso un video diventato virale sui social, ha rivolto ai capi di Stato italiani un appello alla meritocrazia e al sostegno di chi lotta per realizzare i propri sogni, lanciando un progetto GoFound (https://www.gofundme.com/f/donaperfarcistudiare) il cui ricavato sarà donato a tutti gli studenti che vogliono studiare al conservatorio ma non hanno la disponibilità economica per permetterselo.

Giona, ha chiarito le intenzioni del proprio videomessaggio rilasciando ai nostri microfoni un’intervista esclusiva:

Il video che hai girato lascia trasparire diverse informazioni, ma chi è Giona?
Giona: << Non sappiamo bene cosa siamo. Io sono un musicista, una persona che ha sempre lavorato con questo sogno. Vivo di sogni e aspirazioni, quello che ho avuto fino ad ora non rispecchia ciò che ho seminato. Ho utilizzato i miei mezzi per fare rumore e dedicare la mia voce per gli altri>>.

Il tuo messaggio ha raggiunto tantissime persone, ha ottenuto i risultati sperati?

Giona: << Non mi è stata data la borsa di studio al conservatorio a causa del vecchio ordinamento sebbene il mio reddito sia pari a 0 e abbia il massimo dei voti in tutte le materie. Voglio aiutare le persone che si trovano nella mia situazione. Ho denunciato la mia condizione con l’aspettativa di aiutare tutti i ragazzi che vivono come me, di musica e lavoro. In questo primo giorno di campagna, grazie alle donazioni ricevute, abbiamo raggiunto il 10% della cifra totale da devolvere ai ragazzi per permettere ai volenterosi di poter studiare. Voglio aiutare tutti. Spero che gli artisti possano rispondere. La solidarietà da parte di chi è ai vertici di questo settore è importante>>.

Per i ragazzi come te sarebbe meglio cercare fortuna all’estero o insistere in Italia?
Giona: << Magari per trovare un’occupazione nel breve termine è più favorevole espatriare. Anni fa ho avuto l’occasione di andare all’estero, ma il conservatorio mi ha trattenuto qui e mi ha aiutato. Io desidero che i ragazzi possano sfruttare il potenziale del nostro Paese. L’Italia, oltre alle ricchezze storiche e territoriali ha un grande patrimonio che è la grande quantità di giovani. I ragazzi dovrebbero credere nell’Italia e l’Italia nei ragazzi>>.

Se riuscissi a farti ascoltare, molti più ragazzi dovrebbero chiedere aiuto, anche con video simili, al Governo?

Giona: << Il mio video è arrivato in alto perché la mia situazione è reale e ci sono tante situazioni simili. Se tutti facessero una cosa del genere non avrebbe senso. Voglio evitare che tutti si mettano a nudo come ho fatto io. E’ molto difficile parlare di un tenore di vita pessimo. Io voglio essere portavoce di situazioni simili e chiedere aiuto affinché una volta per tutte la situazione cambi>>.

Cosa si augura Giona per il futuro?

Giona: << Mi auguro che i contenuti possano avere voce. Diamo notorietà a troppe scemenze. Tante persone che hanno talento vengono zittite e messe in secondo piano da favoritismi e dalla cultura del denaro. Mi auguro che l’Italia non ridimensioni i sogni dei propri giovani. La dimensione del sogno è essa stessa il sogno. I talenti devono essere valorizzati per ciò che meritano>>.

Numerosi ragazzi combattono quotidianamente per inseguire i propri sogni. Il principio di meritocrazia e il  valore del duro lavoro devono essere le chiavi per sciogliere le catene del nepotismo. In un mondo ai tempi del Covid e in un Paese che ha bisogno di rialzarsi, la voce di chi si impegna per raggiungere i propri obiettivi dovrebbe essere ascoltata.

Bruno Aiello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *