Un accordo di cooperazione per le imprese italiane ad Abu Dhabi
21 Dicembre 2010
povero ammore
21 Dicembre 2010
Mostra tutto

Lettera d’ammore

Caro ammore mio

ti scrivo questa lettera

nella speranza che finalmente

mi daje na risposta

nun 'o viro ca te stò cercanno

cumme e' ll'aria?

Caro ammore mio

ti scrivo questa lettera

nella speranza che finalmente

mi daje na risposta

nun ‘o viro ca te stò cercanno

cumme e’ ll’aria?

Ca te chiamm tutti i momenti e,juorn?

Ma addò s’ jut? Addò staje?

Io mi giro e giro dinto a stu deserto

stu deserto ca nun tene manco cchiù a sabbia

pecchè nun trovo niente..

ma o’viro ca sto purtanno stà croce cumme

ne fossero ciento? Te stò crescenno e figli tuoi

te stò imparando dinto a  cchesta vita ca,vita non è

o’ viro,o no,ca stu cuscino è sempre chino e lacrime?

Ma nun tiene manco cchiù a crianza,a cuscienza

e venì na vota sola,vicino a stu piccerillo, ca volevi tanto bene?

Nun mè fa alluccà,nun mè fa alluccà!..

Te stò crescenno e figli tuoi,te stò portanno annanz,

ed io,vaco arreto tutte e’juorn,a poco a poco

vaco dinto a pazzaria senza e te.

Ma cumme è possibile ca tiene sta forza e nun parlà

e nun te fa vedè?

Tu me staje facenno ascì pazzo

pazzo,pecchè non vedi quanta sofferenza

quanto dolore,vuoto,vuoto,vuoto stà dentro di me?

Caro ammore mio famme sta Grazia..

famme ascì cu tte n’ata vota,famme sentì

nu mumento a voce toja

famme respirà assieme a te

nun te stà sempre zitta

tant’è o dolore mio che, le lettere d’ammore

che mi scrivevi quando mi volevi bene sò tutte bagnate,

bagnate de lacrime mie

t’aspetto tutte le notti

t’aspetto dinto o mumento addò stà cchiù silenzio

addò nun se sente manco e respirà

accussì dinto ‘o scuro-scuro senza ca manco ‘o core fa rumore

aspetto ca viene vicino a me..e,invece mi lasci da solo,

solo,senza nemmeno me stesso.

Addò staje? Addò staje?Ah, si putesse sapè

si putesse sapè,io,venesse subito e,lasciasse tutto e tutti

pe venì addò staje tu!

Rispunneme,rispunneme!

Nun me fa alluccà,nun me fa m’pazzì

guarda, ca.. mò metto a mano n’coppa a sta fotografia toia

mo,la tocco,ti prego rispunneme

ecco..ma,cos’è? Cumme è fredda, ma,chi c’è stà cà?

Chi siete vuje? Signurì io nun ve conosco,vuje a me,si?

Ma..vuje, si, mò aggio capito

addò stà ll’ammore mio

vuje siete a Morte!

gianni sardi ventisette novembre 2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *