Intimidazione al Consigliere Comunale dei Verdi Carmine Attanasio. Violato il Palazzo Istituzionale di via Verdi
18 Maggio 2017
La morte di Falcone fu provocata anche da un lento ed inesorabile isolamento
23 Maggio 2017
Mostra tutto

Il Museo di Totò

Un’apertura a Palazzo dello Spagnuolo che si attende da quasi 20 anni

Come ogni anno maggio dei monumenti a Napoli si apre con un tema importante o con un grande personaggio. Quest’anno le sue porte si sono dischiuse ad Antonio de Curtis, in arte Totò. Già ad aprile la città aveva reso omaggio al grande attore napoletano celebrando i suoi 50 anni dalla morte, ed ha continuano anche nel mese successivo con un programma ricco di eventi intitolato “O Maggio a Totò”. Nonostante però le tante buone intenzioni, il museo a lui dedicato rimane ancora chiuso, e le rassicuranti notizie che annunciavano in 18 mesi l’apertura dello stesso, sono state smentite dal fatto che da allora è trascorso già un anno.

Il palazzo dello Spagnuolo nel Rione Sanità, quartiere natale del “Principe”, da quasi 20 anni attende di accoglierne i cimeli. L’edificio, opera dell’architetto Ferdinando Sanfelice, fu progettato al fine di unire due palazzi, così da ottenere una struttura più sontuosa, con una meravigliosa scala detta ad “ali di falco”, spesso utilizzata in set cinematografici. I lavori nello stesso, che sono durati molti anni ad un costo di circa 2 milioni di euro, avrebbero dovuto consentire l’inaugurazione del museo già nel 2014, ma all’epoca, il palazzo risultava essere ancora barcollante, sprovvisto dell’ascensore e con le controsoffittature crollate. Più volte la cittadinanza si è attivata, tanto da dare vita ad un docu-film intitolato: “Totò Memories. Il museo del Principe atteso da vent’anni”, oltre ad una raccolta di 40 mila firme affinché la realizzazione del progetto andasse in porto.

Promotrice dell’iniziativa “museo”, Liliana, figlia di Totò, con la Fondazione De Curtis, che dopo vari problemi, si è vista sbloccare i fondi proprio per l’ascensore.

Nonostante lungaggini e disagi, per questo maggio dei monumenti non sono mancate però meravigliose sorprese, come l’annuncio di De Magistris in merito all’apertura di una scuola di teatro a Totò dedicata nel quartiere Sanità, spesso venuto alle cronache a causa di spiacevoli accadimenti e che cerca di rinascere dalle ceneri, grazie anche ad un amato figlio mai dimenticato. Tutti auspicano che l’attesa per il museo non sia ancora lunga.

Assunta Mango

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *