Sicilia, via libera Ue su controllo finanziamenti comunitari
15 Gennaio 2009
Israele non ferma i bombardamenti
16 Gennaio 2009
Mostra tutto

Teatro: in scena per la prima volta a Napoli “Luigi Sturzo. Le tre male bestie” con Luigi Iacuzio

Per la prima volta nel capoluogo campano andrà in scena “Luigi Sturzo. Le tre male bestie”, un progetto teatrale incentrato sulla figura autorevole di esponente di primo piano del movimento cattolico italiano che ha influito nella scena politica italiana in modo incisivo e radicale.

Per la prima volta nel capoluogo campano andrà in scena “Luigi Sturzo. Le tre male bestie”, un progetto teatrale incentrato sulla figura autorevole di esponente di primo piano del movimento cattolico italiano che ha influito nella scena politica italiana in modo incisivo e radicale.

Luigi Sturzo fu il principale artefice dell’inserimento delle masse popolari cattoliche nello Stato italiano in chiave laica e democratica. Fu inoltre uno strenuo difensore delle autonomie locali e un convinto sostenitore del ruolo dei partiti politici, considerati le arterie della società civile e strumenti primari di libertà.

Lo spettacolo che andrà in scena fa parte del progetto “Storie interrotte, Il Sud che ha fatto l’Italia” promosso dal Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da Studiare Sviluppo srl, con la partecipazione del Ministero della Pubblica Istruzione, in collaborazione con ANART, Editori Laterza, Luca Sossella Editore e Radio3 RAI.

Il progetto è dedicato a cinque uomini del Sud d’Italia che hanno profondamente segnato la storia del nostro Paese e determinato alcuni dei tratti decisivi delle sue istituzioni democratiche e del suo sviluppo moderno.

Con un’inedita declinazione di iniziative e di percorsi tematici, attraverso i linguaggi dell’editoria, del teatro e della radio, “Storie interrotte” ripropone al dibattito e alla riflessione contemporanee il contributo di idee, visioni e progetti che hanno offerto valori fondativi alla storia moderna d’Italia sia nelle figure che nelle esperienze di Francesco Crispi, Francesco Saverio Nitti, Donato Menichella, Don Luigi Sturzo e Giuseppe Di Vittorio.

 La rappresentazione teatrale è uno dei momenti più importanti di una due giorni sul pensiero di Luigi Sturzo che si terrà a Napoli, il 16 e il 17 gennaio, con esperti di politica e di istituzioni per analizzare la realtà del Mezzogiorno e approfondirne le possibilità di sviluppo senza la lente deformante dello statalismo, denunciato con forza da don Luigi Sturzo sin dal discorso a Napoli del 18 gennaio 1923.

 

Claudia Lucianelli

Comments are closed.