L’ombra di Stalin: un film sul primo genocidio ucraino
27 Maggio 2022
AAMOD: al via la seconda edizione di “UnArchive Suoni e visioni”
3 Giugno 2022
Mostra tutto

III edizione Premio Cesare Zavattini: le opere vincitrici on line

Da martedì 31 maggio 2022 sarà possibile vedere on line, sul sito ufficiale premiozavattini.it, le opere vincitrici del terzo Premio Zavattini UnArchive, svoltosi nel biennio 2018/2019. I cortometraggi sono Anche gli uomini hanno fame di Andrea Settembrini, Gabriele Licchelli, Francesco Lorusso e Domani chissà, forse di Chiara Rigione, decretati vincitori da una Giuria presieduta dalla regista Susanna Nicchiarelli e composta dal produttore e regista Ugo Adilardi, dalla regista Elisabetta Lodoli, dal regista Roland Sejko e dal docente universitario Giovanni Spagnoletti.

Dopo aver partecipato ad importanti festival italiani e internazionali, le opere sono adesso – come da regolamento – a disposizione per una visione condivisa collettiva, e anticipano di una settimana esatta l’apertura del nuovo bando di concorso del Premio, le cui norme di partecipazione per la prossima edizione, la settima, saranno pubblicate sui canali ufficiali a partire da martedì 7 giugno.

Anche gli uomini hanno fame, in cui sono rievocate le storie parallele di Nardo e Mimmi, due amici che scelgono strade diverse, uno rimanendo nel paese in cui è nato, l’altro andando a lavorare al traforo del San Gottardo, è stato selezionato, tra l’altro, dall’IDFA – International Documentary Filmfestival Amsterdam, dal Festival del Cinema Europeo di Lecce, dove ha vinto l’Ulivo d’Argento come miglior corto, dal Montecatini International Short Film Festival, aggiudicandosi il Premio del Miglior documentario, da Medfilm Festival, da Ischia Film Festival.

Domani chissà, forse, una ricerca sul tempo e su ciò che gli sopravvive, attraverso l’uso di diversi formati cinematografici, in un luogo in cui passato, presente e futuro sembrano fondersi e confondersi, è stato selezionato, tra l’altro, dal Filmmaker Festival di Milano e da Linea d’ombra Film Festival di Salerno.

Aurelio Nigro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *