Berlusconi: «Il Pdl ha vinto nonostante le calunnie»
22 Giugno 2009
Italia prima per tassazione del lavoro
22 Giugno 2009
Mostra tutto

“Un artista contemporaneo a Roma in cammino sulla Via della Pace”

Il Foro Romano, ed esattamente la Via Sacra che lo attraversa, ospiterà per la prima volta creazioni ontemporanee: dal 23 giugno al 30 novembre 2009 la mostra "Deredia. La genesi e il simbolo" presenta, tra l’Arco di Tito e la Curia del Senato, otto grandi sculture in marmo del costaricano Jiménez Deredia, che da trent’anni vive sotto le cave di Carrara. Contemporaneamente, a Palazzo delle Esposizioni, si svolgerà dal 23 giugno al 13 settembre 2009 l’esposizione "Deredia. La Ruta de la Paz" dedicata al primo artista extraeuropeo presente nella Basilica di San Pietro, dove, in occasione del Grande Giubileo del 2000, Papa Giovanni Paolo II ha disvelato una sua scultura che celebra Marcellino Champagnat, un francese vissuto a cavallo tra il Sette e l’Ottocento, e santificato nel 1999.

Il Foro Romano, ed esattamente la Via Sacra che lo attraversa, ospiterà per la prima volta creazioni ontemporanee: dal 23 giugno al 30 novembre 2009 la mostra “Deredia. La genesi e il simbolo” presenta, tra l’Arco di Tito e la Curia del Senato, otto grandi sculture in marmo del costaricano Jiménez Deredia, che da trent’anni vive sotto le cave di Carrara. Contemporaneamente, a Palazzo delle Esposizioni, si svolgerà dal 23 giugno al 13 settembre 2009 l’esposizione “Deredia. La Ruta de la Paz” dedicata al primo artista extraeuropeo presente nella Basilica di San Pietro, dove, in occasione del Grande Giubileo del 2000, Papa Giovanni Paolo II ha disvelato una sua scultura che celebra Marcellino Champagnat, un francese vissuto a cavallo tra il Sette e l’Ottocento, e santificato nel 1999.

Altre sculture monumentali di Deredia sono state collocate tra il Foro e il Colosseo, in alcune piazze (Barberini, San Lorenzo in Lucina) e palazzi della città (nei cortili del Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps e di Palazzo Massimo). L’evento, che è posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dall’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma e dall’Azienda Speciale Palaexpo. Le mostre sono organizzate dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e da Palazzo delle Esposizioni. Deredia ha voluto questa impresa per presentare a Roma, che ritiene “una città universale e della pace”, un progetto assai ambizioso, che si realizzerà nel Continente americano e che ha battezzato La Ruta de la Paz, il Cammino della Pace: in nove Paesi, dal Canada alla Terra del Fuoco in Argentina, intende collocare altrettante immense strutture monumentali, realizzazioni di scultura ed
architettura ispirate alle sfere Boruca, gli elementi circolari che ogni Paese e popolazione del luogo possedevano prima della conquista di Cristoforo Colombo, e sincronizzate con le costellazioni di ciascun sito. Le sculture esposte al Foro costituiscono parte del progetto pan-americano che si potrà apprezzare, nei suoi dettagli e nella  totalità, nella mostra di Palazzo delle Esposizioni, dove saranno presentati i progetti architettonici, le relative
sculture in formato ridotto ed opere monumentali in bronzo.

 

Claudia Lucianelli

Comments are closed.