Aids, vaccino riduce il rischio del 31%
24 Settembre 2009
Afghanistan: feriti due soldati italiani
24 Settembre 2009
Mostra tutto

Milano Donna invade Piazza Duomo

Era dagli Anni 80 che la moda non conquistava piazza Duomo. L’idea venne allora a Nicola Trussardi. Erano altri tempi, quelli dei fasti del made in Italy, della ‘Milano da bere’, gli stilisti erano diventati personaggi noti e le top model erano piu’ famose delle attrici e delle soubrette televisive. Stasera, dopo un quarto di secolo, il pret-a-porter torna in una delle piazze piu’ famose del mondo: i tempi sono cambiati, c’e’ perfino la crisi, ma la moda reagisce e Milano con lei.

Era dagli Anni 80 che la moda non conquistava piazza Duomo. L’idea venne allora a Nicola Trussardi. Erano altri tempi, quelli dei fasti del made in Italy, della ‘Milano da bere’, gli stilisti erano diventati personaggi noti e le top model erano piu’ famose delle attrici e delle soubrette televisive. Stasera, dopo un quarto di secolo, il pret-a-porter torna in una delle piazze piu’ famose del mondo: i tempi sono cambiati, c’e’ perfino la crisi, ma la moda reagisce e Milano con lei.

L’eventone e’ stato fortemente voluto da Ennio Capasa che con la sua linea C’N’C (e’ quella piu’ giovane, l’altra si chiama Costume national e sfila a Parigi) ha messo in scena un vero spettacolo rock. L’idea e’ molto piaciuta al Comune di Milano che sta facendo di tutto per iniettare fiducia nel rapporto moda-citta’. La serata ha un bel nome, ‘Milano loves fashion’, che poi e’ proprio vero: la moda e’ amata perche’ puo’ essere sofisticata e insieme popolare, come ha dimostrato anche il successo della Vogue Fashion’s Night Out, due settimane fa. Stasera sono attese in piazza cinquantamila persone: vedranno tanto spettacolo, con la regia di Marco Balich, lo stesso che ideo’ apertura e chiusura delle olimpiadi invernali torinesi. Si esibira’ Eleonora Abbagnato, etoile dell’Opera parigina, ci sara’ molta musica (The Kills, Kruder & Dorfmeister), il mirabolante teatro di strada degli Ulik and The Snob, il cinema rappresentato da Paolo Sorrentino. E ci sara’ naturalmente la moda, con la collezione C’N’C, in puro spirito rock ‘n roll, ma quello di oggi, della nuova generazione. Capasa porta in passerella i rock kids di oggi, figli dei rock kids di ieri: ci sara’ Anton Capasa, suo figlio sedicenne, ma anche Pixie Geldorf (figlia di Bob), Tali Lennox (la madre e’ la cantante Annie) e la figlia di Pearl Lowe, Daisy, fanciulla inglese gia’ molto personaggio mondano. La collezione e’ vagamente ispirata agli anni 70, ma non c’e’ niente di vintage, tutto e’ reinventato nello spirito dei giovani d’oggi che amano scoprire a modo loro il passato. Grande attenzione all’ecologia, tema caro ai ragazzi, quindi tanto nero di china, finalmente fissato con sostanze vegetali, come gli altri colori, soprattutto il blu cobalto che irrompe in diverse sfumature, tra micropepite metalliche, trench vagamente militari, tessuti devore’, drappeggi per t-shirt oversize, scarpe toste (tronchetti aperti avanti e dietro, tacchi vertiginosi e zip) e lunghezze senza vie di mezzo (lunghissime o cortissime), perche’ quelle proprio i giovani non le amano.

Mario Caiazzo

Comments are closed.