Turismo da record a Capri
15 Settembre 2022
Dal Ghana a Lago Patria, la storia di Isaac
19 Settembre 2022
Mostra tutto

Jazz in vigna, la band Quartieri Jazz si esibisce sullo sfondo del golfo di Pozzuoli

POZZUOLI (NA) – Nella giornata di oggi, sabato 17 settembre 2022, presso l’Agriturismo Il Gruccione, in provincia di Pozzuoli, si è tenuto “Jazz in vigna”, un evento per gli appassionati del buon cibo e della bella musica. La tenuta, appartenente alla famiglia Iovino, è sita in un’oasi al centro dei Campi Flegrei ove è possibile godere di uno splendido panorama con vista sul golfo di Pozzuoli. L’evento, iniziato alle ore 21.00 con un abbondante buffet e proseguito con deliziose portate principali, ha visto esibirsi la banda “Quartieri Jazz” ed il loro Neapolitan Gipsy Jazz. A comporre il gruppo musicale erano Mario Romano alla chitarra classica, Luigi Esposito al piano, Dario Franco al basso ed Emiliano Barrella alla batteria.

La storica formazione ha presentato al pubblico un viaggio musicale attraverso i loro due album: “ ‘E strade ca portano a Mare” e l’ultimo lavoro discografico “Le 4 giornate di Napoli” ispirato alla rivolta partenopea. La loro melodia, così frizzante e sanguinea, ha riprodotto gli umori ed il sentire della magica e vivace cultura partenopea. Un jazz in cui a predominare sono gli elementi compositivi e carismatici capaci di trascinare il pubblico in un viaggio emozionale.

Un percorso che ha saputo trasportare il cuore e la mente degli ascoltatori tra le strade affollate e confusionarie dei quartieri come tra quelle più desolate e malinconiche della città. La band ha saputo canalizzare l’esperienza tradizionale del jazz ad una più moderna formula musicale avvicinando così la platea un genere troppo spesso ignorato e forse ai più giovani quasi sconosciuto.

La formula utilizzata dalla banda ha invitato i presenti ad un ballo in onore della propria appartenenza culturale, quasi che questo unisse le diverse personalità presenti avvicinandole nella consapevolezza della condivisione di una stessa terra, nella certezza di una unità di cui spesso ci si dimentica.

Giorgia Cremona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *