Immigrazione, due barconi di migranti lanciano «Sos» tra Italia e Malta
6 maggio 2009
A Milano e in provincia corsi di danza e spettacoli anche con musica dal vivo
6 maggio 2009
Mostra tutto

Il MES vara le ecoschede

Contro le politiche ambientali integraliste che sostengono la filosofia della costante negazione piuttosto che quella della condivisione e della fruibilità, il Movimento Ecosportivo Sportchallengers - associazione nazionale di protezione dell'ambiente, presenta una iniziativa a sostegno della cultura positiva e propositiva per la gestione e la fruizione dell'ambiente. Un percorso formativo della persona che si sviluppa in modo dinamico e non passivo, attraverso un incontro ravvicinato e pacifico tra uomo e natura, aperto alla innovazione e alla sperimentazione, finalizzato all'utile.

Contro le politiche ambientali integraliste che sostengono la filosofia della costante negazione piuttosto che quella della condivisione e della fruibilità, il Movimento Ecosportivo Sportchallengers – associazione nazionale di protezione dell’ambiente, presenta una iniziativa a sostegno della cultura positiva e propositiva per la gestione e la fruizione dell’ambiente. Un percorso formativo della persona che si sviluppa in modo dinamico e non passivo, attraverso un incontro ravvicinato e pacifico tra uomo e natura, aperto alla innovazione e alla sperimentazione, finalizzato all’utile.

Il MES (Movimento Ecosportivo Sportchallengers) promuove l’ennesima iniziativa a sostegno della cultura sportiva e propositiva per la gestione e la fruizione dell’ambiente. Si tratta delle ecoschede, questionari impostati su più livelli per raccogliere dati e rilievi sulle aree interessate, realizzati dagli stessi tecnici che hanno permesso al MES di pubblicare, con il benestare del Ministero dell’Ambiente, il Manuale Sport & Ambiente, una guida di buone pratiche e consigli utili per l’organizzazione di eventi sportivi in aree protette.

Le ecoschede, disponibili sul sito www.ecosport.it nella sezione ecocertificazioni, potranno essere compilate da ogni visitatori di parchi e di aree protette in genere. Tutti, passeggiando, correndo o facendo attività all’aria aperta, potranno contribuire alla raccolta dei dati imparando cose nuove o solo per approfondire concetti già appresi.

Questo sistema consentirà di effettuare un monitoraggio delle condizioni ambientali attraverso l’analisi professionale delle schede, un’operazione a costo zero finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla tutela e la cura della natura nelle sue diverse forme, e soprattutto a incentivare i processi di conoscenza.

La raccolta dei dati, analizzati dalla GESTA s.a.s., Agenzia per l’Eccellenza per la Qualità dell’Ambiente, porterà come primo risultato applicativo la realizzazione di un eco-regolamento a cui seguiranno i processi di certificazione ambientale. 

Il MES, ormai da anni, promuove eventi sportivi culturali e non agonistici volti alla conoscenza della natura, alla valorizzazione del territorio e della bio-diversità, percorsi formativi della persona che si sviluppano in modo dinamico e non passivo, attraverso un incontro ravvicinato e pacifico tra uomo e natura, aperto alla innovazione e alla sperimentazione, finalizzato all’utile.

Discipline creative ed adattive, ispirate all’avventura ed alla esplorazione come premesse di conoscenza del territorio, degli aspetti salutistici della persona e con risvolti in ambito sociale: sono queste le attività sane che possono garantire la salvaguardia di un bene prezioso per tutti come la natura. Non è facendo del terrorismo mediatico o dell’allarmismo catastrofico, che si costruisce il futuro dei nostri figli e nipoti. Il MES da sempre ha evitato ogni estremismo e si è schierato contro le politiche ambientali integraliste che sostengono la filosofia della costante negazione piuttosto che quella della condivisione e della fruibilità.

Il monitoraggio volontario degli eco-sistemi sarà effettuato anche dai partecipanti alla VI edizione del Giro dei Parchi d’Italia, che quest’anno attraverserà le regioni del Lazio, Campania, Abruzzo, Piemonte e Lombardia.

 

Comments are closed.