La prova costume al tempo dei social
25 Giugno 2019
Giancristofaro, “Con l’anticipo dei saldi al 29 giugno +30% dei ricavi”
27 Giugno 2019
Mostra tutto

Il fantasma dell’”Assassina della Vicaria” alla Libreria Raffaello

Direttamente dagli archivi storici, le testimonianze sull’efferato delitto della nota “Assassina della Vicaria”

Un approccio storico e documentale per il nuovo libro “Io, sono Giuditta” di Assunta Mango, che sarà presentato venerdì 28 giugno alle 18.30 presso la Libreria Raffaello di Via Kerbaker a Napoli.

L’opera, riporta la vicenda di Giuditta Guastamacchia, la nota Assassina della Vicaria, che in pieno tumulto legato alla Repubblica Partenopea, si macchiò, con un prete suo amante e con i complici, dell’atroce delitto del giovanissimo marito, facendolo a pezzi e disperdendone le membra per la città. Arrestati, torturati, processati ed impiccati, la testa e le mani dei rei, per anni rimasero esposte in gabbiette appese a Castel Capuano, quale monito per la popolazione.

Ma Giuditta non è solo un’assassina, ma anche un fantasma che sembra appaia ogni 19 aprile, ricorrenza della sua uccisione, nelle stanze del Castello.

Verbali della Gran Corte della Vicaria, missive con i Bianchi della giustizia, cronache e diari, la condizione delle donne in quegli anni, la visione antropologica popolare, il percorso dei condannati ed anche le condizioni di morte e prigionia, il tutto per consentire al lettore una chiara visione dei fatti.

Un assassinio tanto feroce da essere riportato con dovizia di particolari nelle cronache dell’epoca, e da essere punito con l’uccisione dei rei, non prima di aver subito lo “strascino a coda di cavallo”.

È questa l’incredibile storia di Giuditta Guastamacchia, che da più di 200 anni fa parlare di sé, e su cui finalmente è stata fatta luce, con tanto di testimonianze documentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *