Rifiuti. Verdi si rivolgono alla UE per obbligare la Regione a realizzare i siti di compostaggio
16 Febbraio 2011
Le gemelline di 6 anni, Alessia e Livia (Ansa)
Gemelle: forse bimbe mai via da Svizzera
16 Febbraio 2011
Mostra tutto

Con-tatto” la mostra di Giovanni Frascadore

Nelle sale Terrazze di Castel dell’Ovo a Napoli, si inaugura la mostra delle opere dell’artista Giovanni Frascadore

Nelle sale Terrazze di Castel dell’Ovo a Napoli, si inaugura la mostra delle opere dell’artista Giovanni Frascadore

 

Sabato 19 febbraio è l’arte a far da padrona. Presso le sale Terrazze del Castel dell’Ovo a Napoli infatti, sarà presentata “Con-tatto” la mostra di Giovanni Frascadore. Se il titolo, visto come un’unica parola, ci riporta al concetto di relazione intima fra soggetti, lo stesso diviso in due dal trattino, diventa un consiglio da parte dell’autore di avvicinarsi alle immagini con accortezza, tentando di accogliere con meditazione i messaggi che esse custodiscono in se.
“Con-tatto” tra espressione e introspezione è infatti il titolo completo della mostra fotografica che vedrà rappresentate le opere dell’artista dal 1990 al 2010. E’ un racconto quello di Frascadore, fatto attraverso le immagini: rappresentazione del pensiero nel tempo della crisi, così come in quegli anni era stata definita da alcuni filosofi l’avvenuta “destituzione del soggetto.”  Per il rinomato artista napoletano la fotografia è di fondamentale importanza in quanto mezzo capace di accogliere la luminosità del proprio interno mediante il supporto dei materiali pittorici come pennelli, inchiostri, ecc.
Una sapienza compositiva e pittorica e i richiami alla tradizione della cultura visiva nazionale ed internazionale, fanno di Frascadore un grande artista e un eccezionale descrittore di immagini. La manifestazione, poi, perdurerà sino al giorno 10 marzo. Frascadore delizierà dunque l’attento sguardo dei presenti con i suoi scatti d’autore che raccolgono, in una serie di immagini, racconti di vita che si dipanano per oltre due decenni.
Un lungo ed intenso percorso tra esposizione ed introspezione, che si rivolge al pubblico sovrano, premurandosi di risvegliare l’assopito.

Dalila De Felice

Comments are closed.