Michele Placido al premio letterario di Casalnuovo, “Una Città che Scrive”
12 Dicembre 2017
Marco Cappato, l’altra faccia della rivoluzione
12 Dicembre 2017
Mostra tutto

Carta Bianca a Napoli

Capodimonte raccontata da dieci illustri personaggi

Al museo di Capodimonte si apre la rassegna di capolavori raccontati e scelti da dieci personalità, da Vittorio Sgarbi a Francesco Vezzoli, da Giulio Paolini a Riccardo Muti.

È una tavola di 83 centimetri per 64, dipinta a tempera e tutta dorata. Raffigura la crocifissione di Cristo, a sinistra la Vergine vestita di blu, ai piedi della croce Maria Maddalena, a destra San Giovanni evangelista. Riccardo Muti l’ha scelta per la sua narrazione del museo ideale che domani debutta a Capodimonte.

L’esposizione è intitolata “Carta bianca” ed è la sfida che il museo propone a queste eccellenze e personalità famose in diversi campi del sapere, hanno con sensibilità, la loro formazione, la loro cultura, selezionato liberamente altrettante dieci opere tra le 47mila conservate nelle sale della pinacoteca e con un solo obbligo: spiegare la propria scelta. La mostra è nata da un’idea del direttore Sylvain Bellenger e di Andrea Viliani, direttore del Madre, «una mostra-manifesto che invita il visitatore a riconsiderare l’idea del museo, come spiegano Bellenger e Viliani, e più che il “museo immaginario”, intuito da André Malraux, “Carta bianca” è il museo soggettivo per ciascuno di noi».

Insieme al critico d’arte Vittorio Sgarbi ed il maestro Riccardo Muti, si sono aggiunti gli intellettuali come Laura Bossi Règnier, neurologa e storica della scienza, Giuliana Bruno professore di Visual and Environmental Studies all’Harvard University, ed ancora Gianfranco D’Amato, industriale e collezionista, Marc Fumaroli storico e saggista nonché membro dell’Académie française. Ad arricchire il parterre Mariella Pandolfi professore di Antropologia dell’université de Montréal e l’artista Giulio Paolinied infine anche Paolo Pejrone architetto e paesaggista e un altro artista, conosciuto in tutto il mondo, Francesco Vezzoli.

I curatori spiegano la propria scelta con interviste video accessibili dal proprio smartphone attraverso l’app Carta Bianca, ideata dalla società Arm 23 così da poter poi salvare e rivedere i contenuti a casa.

La mostra “Carta Bianca. Capodimonte Imaginaire”, è aperta al pubblico da oggi 12 dicembre 2017 e rimarrà fino al 17 giugno 2018. Una mostra che darà la possibilità di poter viaggiare nelle opere senza schematismi, ma con libertà, anzi carta bianca.

Marco Fiore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *